×

Ristoranti a Milano zona gialla: tra le riaperture e le nuove aperture

Condividi su Facebook

Milano entra in zona gialla e i ristoranti possono riaprire, ma tra questi ci sono anche tante nuove aperture. Scopriamo quali.

nuove aperture milano
nuove aperture milano

Milano entra in zona gialla e i ristoranti possono riaprire: ecco quali sono le nuove aperture da non lasciarsi sfuggire e le riaperture. Tutti i dettagli.

Nuove aperture e riaperture a Milano

Tra le riaperture attese e le nuove aperture da scoprire la ristorazione a Milano rinasce con la zona gialla, e i clienti con essa.

Coniuga apertura con riapertura lo chef stella Michelin Felice Lo Basso, che il 2 febbraio è impegnato con la nuova apertura di “Bottega Urbana – Dolce&Salato”. “Una piccola botteda d’eccellenza” così la definisce Lo Basso, che sarà aperta tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00, e che completa l’offerta del ristorante offrendo la possibilità di portare a casa i prodotti realizzati dalle mani dello chef e dei suoi fedeli collaboratori.

E a proposito del ristorante, anche quest’ultimo riaprirà a sorpresa al pubblico, a partire da venerdì 5 febbraio.

Giovedì 4 febbraio riapre anche il ristorante della chef stellata Viviana Varese. Il suo VIVA funzionerà dal martedì alla domenica solo a pranzo.

Restiamo tra gli “stellati” ma spostiamoci altrove, nel ristorante dello chef Andrea Berton, che riaprirà il suo Ristorante Berton, venerdì 5 febbraio. Il locale sarà aperto dal martedì al venerdì, dalle 12.30 alle 15.30, e il fine settimana dalle 12.00 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 16.30.

Nuova apertura invece per il nuovo “Volemose Bene” nella vecchia sede in via Vespucci, che nasce dall’unione tra Luca Guelfi con “Er Secco” ossia Willy, e “Er ciccio” ossia Luca, i titolari del Volemose bene 2 in via Moscova. E’ Luca Guelfi che su Facebook ne da l’annuncio dell’apertura aumentando le nostre aspettative: “Er Secco e Er Ciccio sono i 2 gestori e sono i ristoratori perfetti. Simpaticissimi, mai in panico anche in mezzo al delirio. Ambiente estremamente casalingo e decoro da cartolina turistica. La cucina autentica romana, buonissima, abbondante e i prezzi super democratici. Carciofi, fiori di zucchina fritti,puntarelle, spaghetti carbonara, tonnarelli cacio e pepe, abbacchio, porchetta….. una poesia.” che non possiamo perderci.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media