×

Dehors Milano: sì ai tavolini ‘a tempo’ di bar e ristoranti

Tavoli e sedie 'sosteranno' in carreggiata dal 15 aprile al 15 ottobre, in modo da liberare anche i parcheggi per le auto

dehors Milano, 6 mesi

Nella giornata di giovedì 9 dicembre, la giunta ha approvato le nuove regole per i tavolini all’aperto. Entro fine anno, sarà il Consiglio comunale a prendere la decisione finale.

Dehors Milano: le modifiche

Rispetto alla situazione d’emergenza, riprende valore la norma del precedente regolamento -che prevede l’approvazione della Sovrintendenza per posizionare sedie e tavolini in alcune aree centrali della città- e la legge regionale che prevede la valutazione acustica per chi ha più di 12 tavolini e/o chiude dopo le ore 24 e/o mette musica all’aperto.

La vera novità riguarda la stagionalità, ed è firmata da Alessia Cappello, assessore allo Sviluppo economico: tavolini e sedie potranno rimanere in carreggiata per una durata massima di 6 mesi, dal 15 aprile al 15 ottobre. Negli altri 6 mesi, il posto sarà riservato alle auto.

Dehors Milano: le aree verdi

La durata per i dehors nelle aree verdi sarà consentita dal 1° marzo al 31 ottobre, 9 mesi totali. I tre mesi in più saranno utili per rendere più vivibili le aree verdi nei quartieri lontani dal centro.

Nessuna variazione per chi metterà i tavolini sul marciapiede. Qualora il Governo non dovesse rinnovare l’occupazione temporanea di suolo pubblico gratuita, il Comune contemplerà uno sconto del 20% sul canone.

Dehors Milano, Cappello: “La parola al Consiglio”

L’assessore Cappello ha dichiarato: “La proposta di delibera è nata dal lavoro congiunto di più assessorati, dall’ascolto degli esercenti e dei cittadini per rinnovare e mettere ordine in una disciplina complessa, che tocca vari ambiti della vita della città e che nell’ultimo anno, a causa dalla pandemia, ha richiesto interventi di tipo emergenziale.

Ora la parola passa al Consiglio per la discussione dei contenuti e l’approvazione“.

L’entrata in vigore è prevista dal 1° gennaio del 2023.

LEGGI ANCHE: Divieto fumo nei dehors di bar e ristoranti, una tutela per tutti

Leggi anche

Contents.media