×

Lauree anticipate per gli infermieri dell’università Statale

Condividi su Facebook

Lauree anticipate per i 183 infermieri della Statale: i diplomati potranno lavorare a partire dal 2 novembre.

Anticipate lauree infermieri
Anticipate lauree infermieri

Le lauree di 183 infermieri dell’università Statale di Milano sono state anticipate per permettere loro di iniziare a lavorare da lunedì 2 novembre. Spinti dalla nuova emergenza Coronavirus, che risente molto della carenza di personale negli ospedali, l’ateneo ha organizzato a tempi record le sessioni di laurea per gli studenti di Infermieristica, che altrimenti si sarebbero svolte a novembre.

Lauree anticipate per 183 infermieri

Le tre commissioni organizzate dall’ateneo hanno lavorato in contemporanea il 26, 28 e 29 ottobre per permettere le lauree anticipate per i 183 infermieri dell’università Statale di Milano. Così come successo a marzo, “l’Ordine ha consentito l’iscrizione all’albo professionale online, via mail, per velocizzare il processo“, spiega Anne Destrebecq, presidente del corso di laurea in Infermieristica dell’università. In questo modo i neolaureati potranno già essere operativi a partire da lunedì 2 novembre.

I nostri studenti sono incredibilmente motivati e ansiosi di potersi dare da fare“, ha infatti aggiunto Anne Destrebecq.

I 183 infermieri si sono così laureati in videoconferenza, sostenendo individualmente l’esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione, dopo il quale hanno presentato la tesi di laurea. Gianvincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina dell’università Statale, ha commentato le lauree con “un misto di orgoglio e preoccupazione” per il contributo fondamentale che i diplomati porteranno agli ospedali in questi giorni di emergenza sanitaria.

Insieme agli specializzandi, le varie centinaia tra medici e personale sanitario e i nostri ricercatori, rappresentano in queste ore difficilissime la mobilitazione e l’impegno di tutto il nostro ateneo“.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche