×

Contratto da 22mila euro all’anno, lo chef La Mantia: “Non trovo camerieri”

"Nessuno vuole lavorare: sono disperato", l'appello dello chef che ha riaperto il ristorante a Milano

Lo chef La Mantia non trova personale: "Offro 22mila euro all'anno"

Il cuoco siciliano Filippo La Mantia ha riaperto a Milano il suo bistrot al Mercato Centrale di Milano, ma non riesce a trovare personale.

Chef La Mantia, i camerieri: “Posso avere il part time?”

Nonostante l’offerta di un contratto base da 1.400 euro al mesecon straordinari pagati-, lo chef fatica a trovare camerieri disposti a lavorare in orari serali e nei weekend.

Dopo 80 colloqui, nessuno ha ancora accettato. Tra le domande più gettonate: “Posso avere il part time?” e “Posso non lavorare la sera?”.

Chef La Mantia: il cambio di mentalità dei camerieri

Se fino a prima del Covid per i ragazzi era fondamentale trovare un impiego, attualmente, è più importante avere tempo. La disponibilità a lavorare fino a tarda notte o nei giorni di festa scarseggia. La Mantia è disposto ad offrire 22mila euro lordi all’anno per turni di 8 ore, soprattutto a ragazzi nella fascia 16-24 anni, i quali, non appena scoprono di doversi impegnare fino a mezzanotte, scappano.

Camerieri introvabili, chef La Mantia: “Cancellerò il menù alla carta la sera”

Per arginare la situazione, lo chef ha dovuto appoggiarsi alle agenzie di catering che forniscono il personale a ore. Tuttavia, lo scenario non può proseguire a lungo perché i costi stanno lievitando. La Mantia non trova soluzioni: In sala ultimamente ci sto io. Probabilmente cancellerò il menu alla carta la sera e terrò solo la formula buffet, che richiede meno servizi”.

Interviene anche lo chef e conduttore tv Alessandro Borghese, il quale, accusa i ragazzi di oggi di aver poca voglia di lavorare.

LEGGI ANCHE: “PizzAut” festeggia un anno di attività, Acampora: “Abbiamo creato la Pizza NoWar”

Leggi anche

Contents.media