×

Bistrot Milano, cosa mangiare in Stazione Centrale

Condividi su Facebook

Bistrot è lo spazio in Stazione Centrale a Milano dedicato al buon cibo e agli ottimi prodotti: cosa si può trovare tra i banchi.

bistrot milano centrale
bistrot milano centrale

Quante volte vi è capitato di dover passare alcune ore in stazione in attesa di un treno o di un amico in arrivo? A tutti è successo almeno una volta di trovarsi in questa situazione, probabilmente a orario di pranzo o cena.

Cercare un posto che non sia un fast food in cui accomodarsi e mangiare qualcosa di buono, non è facile. L’alternativa è spendere qualche euro alle macchinette per ingurgitare una merendina, che poi in realtà sazia anche poco. Per fortuna qualcuno ha pensato ai poveri pendolari o a chi lavora in zona, dando vita al Bistrot in Stazione Centrale a Milano. Un posto pulito, pieno di alternative e con piatti gustosi.

Quello che mancava.

Bistrot Centrale a Milano

Il famoso marchio Autogrill, in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, ha dato vita al suo personalissimo bistrot. Una volta al suo posto c’era la sala d’attesa della terza classe, ora invece si trova un mondo magico. Qui si può direttamente mangiare oppure acquistare un buon pasto o qualche snack da consumare sul treno. Non si parla più di panini riscaldati e di pizze unte.

Pensato per essere molto simile a un mercato coperto presenta un’ampia scelta, divisa in diverse aree tematiche e banconi.

Il tutto in un ambiente confortevole. Il design è costituito da materiali totalmente di recupero, riciclati e ecocompatibili. Vecchi parquet, decorazioni originali, bancali dismessi che diventano un oggetto importante d’arredo, proprio come le poltroni di inizio Novecento, ricoperte da alcuni sacchi di juta. In più potrete usufruire del Wi-Fi libero perfettamente funzionante, prese di corrente e anche libri da consultare, come le guide e le riviste.

Il bristrot è aperto dalle 5.30 del mattino, per offrire ottime colazioni, fino alle 22.

Cosa mangiare

Come vi abbiamo già anticipato, non ci troviamo davanti a un semplice ristorante o negozio. Tra i diversi banconi spicca quello dei panificati, diversi tipi di pane e pizza. Tutti preparati quotidianamente con l’impiego del lievito madre e farine della Lombardia. Lo chef Luca Montersino propone degli ottimi dolci e dei gustosissimi croissant farciti davanti ai vostri occhi.

Imperdibili anche i dolci della pasticceria C’era una Torta, di Valentina Meda. A questi si possono affiancare alcune bevande calde provenienti dal banco apposito: caffè, infusi, carcadè e tè, sono solo alcune delle specialità da provare.

Se avete fretta di salire sul vostro treno potete prendere del riso al salto, patatine e pesciolini fritti all’interno di un cono di carta. Comodi e perfetti da gustare sulla carrozza. Se preferite invece accomodarvi al tavolo e mangiare con calma, c’è il pastaio che prepara pasta fresca tutti i giorni, che si può anche acquistare cruda. Poi una parte dedicata alla gastronomia, con prosciutti e formaggi de Il Boscasso di Ruino: panini farciti, sandwich e una lista di vini e birre da abbinarci. Una trovata intuitiva l’angolo chiamato “l’acqua del sindaco”, in cui troviamo un rubinetto con acqua potabile con cui riempire le nostre borracce termiche.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche