×

Ars, la galleria d’arte gastronomica: menu dell’innovativo ristorante

Condividi su Facebook

Arte, buon cibo e relax: questo e molto altro in via Carlo Tenca 18 al ristorante Ars, galleria d'arte gastronomica.

Ars è una galleria d’arte gastronomica con sede a Milano in via Carlo Tenca 18. Questo locale in zona Repubblica è in grado di conciliare l’arte nel vero senso della parola, a un menu gourmet. A pranzo si cerca di rispettare le tempistiche dei clienti soliti avere una pausa pranzo di massimo un’ora, mentre la sera diventa il luogo della tranquillità e del relax.

Ars, galleria d’arte gastronomica

ARS è un ristorante nel cuore di Milano che riesce a conciliare le esigenze dei professionisti delle aziende di Repubblica con il desiderio di relax e tranquillità di chi si accomoda a cena. Tra le stesse mura troviamo una galleria d’arte, un ristorante e anche un cocktail bar. Perfetto per le serate tra amici, soprattutto grazie ai numerosi eventi e iniziative, per conciliare divertimento, cultura, cibo e cocktail di ottimo livello, serviti anche direttamente al bar all’interno.

Gli eventi spaziano dalla musica, all’arte, alla degustazione di prodotti e brand. Consigliatissimo anche per le vostre occasioni speciali e appuntamenti a due.

Il ristorante propone piatti moderni costituiti da ingredienti freschi e di qualità. Sfiziosi menu degustazione, la semplice carta che permette di scegliere tra numerose pietanze. Oltre ai vini selezionati, gli ospiti possono ordinare gustosi cocktail, classici, rivisitati e specialità della casa. Il business lunch è una proposta varia e sempre differente, ma comunque valida.

Piatti a base di carne e di pesce. Primi e secondi, che risvegliano i sensi accompagnandoti in una piacevole e creativa esperienza culinaria, attraverso prodotti freschissimi.

Il menu d’arte e i prezzi

Partendo dagli antipasti ci imbattiamo in una crema soffice di patate con polvere di crudo, spinacino croccante e olio affumicato, ovviamente impiattato a regola d’arte, come tutte le portare successive. Subito dopo una burratina d’Andria con prosciutto di Mangalica e un’ottima e fresca tartare di gambero rosso, accompagnata da spuma di mozzarella e pomodori confit.

Oppure perché non ordinare la deliziosa polpa d’astice su salsa americana con provolone del monaco – l’antipasti più caro a 15 euro – o polpo scottato con purea al rafano, rucola e finocchi.

I primi possono arrivare a costare al massimo 18 euro, ma stiamo parlando di un piatto di troccolo con astice sgusciato con fiori di zucca e zafferano. Per qualcosa di più semplice degli spaghetti ai tre pomodori o dei ravioli di carbone vegetale con ragù napoletano. In alternativa troviamo fregola sarda con crema di zucchine, cozze e bottarga di muggine, linguine integrali al limone con bisque di crostacei e tartare di scampi e, infine, spaghetti alle vongole veraci.

Iniziamo a dare uno sguardo ai secondi a in ordine crescente di prezzo, a partire dai 18 euro di guancia di vitello alla genovese con fonduta di pecorino. Proseguiamo con tagliata d’entrecote e salmone alla bismark. Con 21 euro vi proponiamo un filetto di branzino con calamari e cozze all’acqua pazza e calamaro ripieno vitellato.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche