×

Teatro alla Scala, il concerto per la pace: sul palco star russe e ucraine

In attesa della disponibilità di Riccardo Chailly per dirigere lo spettacolo, si ipotizza la data del 4 aprile

Concerto per la pace, Chailly sostituirà Gergiev. Sul palco della Scala star russe e ucraine

Dopo le polemiche in merito all’allontanamento del direttore russo Valery Gergiev e alla decisione di Anna Netrebko di dare forfait, il Teatro alla Scala ha deciso di organizzare un concerto per la pace, al fine di raccogliere fondi a favore della Croce Rossa a sostegno del popolo ucraino.

Scala concerto per la pace, Meyer: “Organizzare qualcosa di forte”

La data prevista dovrebbe essere quella del 4 aprile. Tra i protagonisti, le star internazionali del canto russe, ucraine ed europee. Ancora da definire il direttore e il programma, dato che Riccardo Chailly potrebbe essere occupato.

Il sovrintendente Dominique Meyer ha apprezzato l’iniziativa dei sindacati, affermando: Vorremmo organizzare qualcosa di forte, per sostegno delle vittime. Abbiamo una coscienza forte di quello che succede a due ore e mezza da Milano dove ci sono bambini che ricevono bombe sulla testa”.

Scala concerto per la pace: la piattaforma per trasmettere i concerti

Il direttore svizzero Lorenzo Viotti, nel frattempo, ha deciso di lanciare sui social un’altra proposta, sollecitando la disponibilità di una piattaforma digitale “disposta a condividere e a trasmettere i concerti che saranno organizzati nelle prossime settimane per raccogliere fondi per i nostri fratelli e sorelle dell’Ucraina. Per condividere con loro direttamente quei momenti di pace musicale”.

Inoltre, Meyer definisce ridicole le black list sugli artisti russi e chiarisce: “Noi siamo tutti contro la guerra, contro questi massacri, crediamo al dialogo, al rispetto dei popoli, ma voler cancellare tutti gli artisti perché sono russi? Soffrono, hanno problemi.

La realtà è molto più complicata”.

Scala concerto per la pace: Meyer giustifica il soprano russo

Il sovrintendente cerca di giustificare Anna Netrebko, rivelando che alcune fake news hanno portato il soprano a non cantare e a non apparire in pubblico. Ad annunciarlo, la cantante stessa, che aveva postato sui social una foto insieme al direttore Valery Gergiev.

LEGGI ANCHE: Scala, Sala sull’allontanamento di Gergiev: “Stiamo sbagliando tutti?”

Leggi anche

Contents.media