×

La variante Omicron sconvolge i cartelloni dei teatri: “È uno stillicidio”

I contagi causano problemi ai teatri meneghini: tra spettacoli cancellati e riprogrammati

Teatri Milano: tra chiusure e rinvii

Ogni giorno un teatro è costretto a tenere abbassato il sipario a causa di qualche attore o tecnico positivo al Covid-19.

Omicron sconvolge i teatri: la rivoluzione dei cartelloni

I teatranti meneghini: “È un lockdown non dichiarato ma che c’è, ondivago, colpisce a macchia di leopardo e a sorpresa”.

Il Piccolo Teatro ha dovuto rinviare di due settimane il debutto di “M il figlio del secolo”, il Teatro Litta ha abbandonato il “Revolutionary Road” e il Pacta ha inaugurato in streaming e a platea vuota il festival pactaSOUNDzone. Il Menotti ha capovolto il cartellone a causa dei positivi nel cast di “Far finta di essere sani”, mentre il clown dei clown David Larible rimarrà a Milano una sola settimana (26-30 gennaio), per colpa dell’allungamento della quarantena di chi arriva dalla Russia.

Infine, al Franco Parenti, Laura Morante getta la spugna e per risolvere la situazione, Andrée Ruth Shammah ha prolungato il divertissement “Mrs Fairytale” di Filippo Timi.

Omicron sconvolge i teatri: la situazione al Carcano

Il Teatro Carcano è rimasto chiuso dal 13 al 23 gennaio. Gli spettacoli “Da lontano” con Isabella Ragonese e “The Spank” con Filippo Dini e Valerio Binasco sono stati cancellati.

Serena Sinigaglia, direttrice artistica del Carcano insieme a Lella Costa, ha annunciato: “I giorni di Capodanno sono stati ottimi.

Poi è arrivato gennaio e, complici le vacanze, Milano si è svuotata. Contavamo molto sui due spettacoli che sono saltati: di fatto i primi con l’impronta della nuova gestione. E invece siamo precipitati nella bufera: non si vede a un palmo dal naso. Stiamo vivendo un momento quasi eroico“. Da qui a marzo, in cartellone: i Kataklò, Ascanio Celestini, Natalino Balasso, Maria Amelia Monti, Marina Massironi, Angela Finocchiaro.

Omicron sconvolge i teatri: necessario pianificare

Il direttore del Piccolo, Claudio Longhi, ha affermato: “Pur tra le mille difficoltà figlie della precarietà dei tempi, ha portato risultati significativi e confortanti e si è assistito a una riappropriazione dello spazio teatrale da parte degli spettatori”. E aggiunge: Le lancette dell’orologio non si sono solo fermate, ma hanno dato l’impressione di marciare all’indietro. I flussi del pubblico ne hanno puntualmente risentito. Mentre la percezione del disagio e della preoccupazione degli spettatori si fa sempre più palpabile. È importante non abdicare al proprio diritto a esserci“.

La direttrice artistica del Teatro Franco Parenti, Andrée Ruth Shammah, ha chiarito: Abbiamo assunto due interpreti in più per sostituire chi si ammalasse. Per esempio, l’attore che recitava con Timi, positivo, ha ora una “controfigura” che ne mima i gesti, mentre la sua voce è stata registrata”. E conclude: “Non mi sentirete mai lamentarmi. Il Covid danneggia noi come tanti altri settori. Il pubblico va rassicurato. Il nostro è un modo in cui in un attimo puoi crollare ma l’attimo dopo rinascere“.

LEGGI ANCHE: Teatro alla Scala: Speranza Scappucci sarà la prima donna italiana a dirigere l’orchestra

Leggi anche

Contents.media