×

Sciopero mezzi il 18 giugno a Milano: “Più tutele per i lavoratori”

Condividi su Facebook

Primo sciopero dei mezzi pubblici a Milano dopo il lockdown: rischio disagi per pendolari e viaggiatori.

Non si è mai fermato il settore dei trasporti pubblici in città durante i mesi di lockdown e non lo hanno fatto nemmeno le polemiche. Per questo il sindacato Usb ha indetto uno sciopero a Milano previsto per giovedì 18 giugno, per chiedere una maggior tutela per i lavoratori.

Sciopero dei mezzi pubblici a Milano il 18 giugno

Nei mesi in cui tutta l’Italia è rimasta a casa per fronteggiare un nemico invisibile ma molto potente, i lavoratori nel settore dei trasporti pubblici non si sono mai fermati. Seppur limitando il numero di corse si è sempre cercato di garantire gli spostamenti, ma qualcuno lo ha visto come un pericolo per gli autisti e tutto il personale. Per questo il il 29 maggio il sito ufficiale del ministero dei trasporti ha annunciato il primo sciopero post-Coronavirus.

Lo slogan del 18 giugno sarà infatti “Tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e della collettività nella fase 2“.

I lavoratori potranno incrociare le braccia per 4 ore in varie modalità.

Il sindacato Usb ha fatto notare come il Governo non abbia considerato alcuna misura in sostegno dei Lavoratori del Tpl – Trasporto Pubblico Locale -. Già dai primi giorni di emergenza le aziende hanno cercato di tutelare la sicurezza dei propri autisti, arrangiandosi con materiali di fortuna, ma spesso qualcosa è andato storto e gli incidenti si sono comunque verificati. A Milano gli orari non sono ancora stati comunicati, ma sembra proprio che tutti i mezzi Atm aderiranno alla protesta, comprese tutte le metro.

Anche l’azienda Trenord sembra voler aderire.

Orari e informazioni

I disagi coinvolgeranno i treni urbani e suburbani, che si potranno fermare dalle 9.30 alle 13.29. Nello specifico potrebbero subire disagi le linee: Milano Cadorna/Milano Centrale/Milano P.ta Garibaldi – Malpensa Aeroporto e Malpensa Aeroporto – Bellinzona. Probabili ripercussioni anche sulle linee S1 Saronno – Milano Passante – Lodi. S2 Mariano C. – Milano Passante – Milano Rogoredo, S9 Saronno – Seregno – Milano – Albairate, S13 Milano Bovisa – Pavia. Atm invece potrebbe fermarsi dalle 18 alle 22, anche nelle linee sotterranee. Per quanto riguarda la superficie potrebbero essere cancellate le linee 201, 220, 222, 230, 328, 423, 431, 433.

Leggi anche

Contents.media