×

I milanesi meno fortunati potranno vedere l’opera alla Scala

L'iniziativa di Lucia Martinelli e del Comune permetterà ad alcune persone bisognose di assistere al Barbiere di Siviglia

La Scala, Milano

L’associazione Pane Quotidiano, oltre ad assicurare generi alimentari a chi ne ha bisogno, grazie ad un’iniziativa di Lucia Martinelli, ha deciso di realizzare il desiderio di tre persone bisognose, concedendogli l’ingresso allo spettacolo del Barbiere di Siviglia al Teatro alla Scala.

I milanesi meno fortunati alla Scala: le parole di Lucia Martinelli

Lucia Martinelli, pianista e volontaria dell’associazione Pane Quotidiano, dichiara “Da tre anni, ogni sabato mattina faccio volontariato nella sede dell’associazione, impacchettando il cibo per gli ospiti in fila. Io sono musicista e dopo un po’ mi sono detta: perché non fargli ascoltare anche della buona musica mentre aspettano di ricevere il pasto? Così insieme ad altri volontari ci siamo attrezzati con una cassa e abbiamo creato delle playlist di musica classica, rock e rap“.

Gli ospiti dell’associazione hanno apprezzato moltissimo l’iniziativa, gradendo in particolar modo i brani di Bach, Vivaldi e Beethoven. L’opera più ascoltata, però, è stata ‘Il barbiere di Siviglia’ di Rossini. Proprio per questo motivo, è nata l’idea di portare i più entusiasti a Teatro per ammirarla.

L’iniziativa per i milanesi meno fortunati alla Scala è stata appoggiata dal Comune

A causa della pandemia, la Scala è stata oggetto di chiusure forzate provocando un rallentamento della realizzazione del progetto.

Ora, grazie all’adesione del Comune di Milano, sarà possibile offrire i biglietti a tre persone. I fortunati che potranno finalmente partecipare all’opera gratuitamente saranno: una signora indiana, un ragazzo e la madre, entrambi provenienti dall’Ucraina.

Isabella, la mamma ucraina, è laureata in filologia e nel corso della sua vita, oltre a lavorare nel mondo della moda, aveva un negozio di abbigliamento nel suo Paese. A causa della rivoluzione, ha dovuto chiudere i battenti.

Nel 2017 riesce ad arrivare in Italia, acquistando -con i risparmi rimasti- un piccolo appartamento a Milano, insieme al figlio. Successivamente è stata costretta a rivolgersi a Pane Quotidiano, poiché faticava a sostentarsi con il lavoro come donna di servizio.

I milanesi meno fortunati alla Scala, Lucia: “Sarà una serata bellissima”

La volontaria Lucia, inoltre, precisa “Quando ho avanzato questa proposta, il presidente del consiglio comunale mi ha subito risposto di sì”. E conclude Tra gli ospiti di Pane Quotidiano abbiamo scelto quelli più interessati e che hanno mostrato maggiore entusiasmo all’idea di poter assistere a uno spettacolo della Scala. Le due signore ricorreranno a un abito elegante che sono riuscite a recuperare. Il ragazzo, invece, è preoccupato perché non ha le scarpe adatte, ma gli ho detto che non importa. Io li accompagnerò e sarà una serata bellissima“.

LEGGI ANCHE: A Milano riaprono le discoteche: torna al 100% la capienza di cinema e teatri

Leggi anche

Contents.media