×

Area B: cosa potrebbe cambiare ancora dopo i nuovi divieti?

Incontro tra il sindaco Beppe Sala e e le opposizioni sulla Ztl. Novità in arrivo?

Area B, nuovi cambiamenti in arrivo? Cosa potrebbe succedere

Nella serata di mercoledì 5 ottobre il sindaco Beppe Sala ha incontrato la minoranza per un confronto su Area B, la zona a traffico limitato che copre tutto il territorio comunale attiva dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30, festivi esclusi.

Area B: piccoli segni di apertura verso le richieste del centrodestra

Da lunedì 3 ottobre Area B è vietata anche per i veicoli euro 2 benzina ed euro 4 e 5 diesel. Il primo cittadino ha dichiarato di essere disponibile a trovare soluzioni concrete sul tema man mano che i problemi si manifesteranno, pur ribadendo di essere irremovibile sui nuovi divieti.

Tra i temi affrontati spiccano i 50 ingressi in deroga ad Area B: “dovrebbero diventare giornalieri e non singoli, cioè contati per ogni passaggio che si fa durante il giorno”, ha chiarito Riccardo Truppo, capogruppo di Fratelli d’Italia.

Manfredi Palmeri, capogruppo della lista civica Bernardo, ha puntualizzato: “Si dovrebbe implementare la tecnologia di verifica per casi specifici. Ad esempio, chi entra prima delle 7.30 e non viene rilevato dalle telecamere e poi esce la sera, venendo fermato magari da una pattuglia. La tecnologia deve venire incontro a queste esigenze”.

Area B: aumentano i tempi della deroga per sostituire l’auto

Un altro tema trattato dalle opposizioni è la sostituzione dell’auto.

Palmeri ha spiegato: A chi certifica l’acquisto di una nuova auto ora verranno allungati i tempi di deroga. Il termine per la stipula del contratto non sarà più quindi il 14 settembre”. E ha aggiunto che: “ci saranno anche degli aggiustamenti tecnici per il controllo dei parcheggi di interscambio”.

I consiglieri di centrodestra affermano che c’è l’intenzione di fare un tavolo tecnico in Regione Lombardia sul tema di Move-In: “Bisogna approfondire la questione.

Oggi Move-In calcola i chilometri di percorrenza anche se stai girando in città durante il weekend, cosa che è permessa. Si dovrebbe rivedere questo meccanismo. Anche perché per molti Move-In vale anche per il resto della regione, non solo per Milano”.

Area B: le auto dei dipendenti pubblici

Minima l’apertura sulle deroghe alle auto dei dipendenti pubblici. Samuele Piscina, consigliere della Lega, ha sottolineato: “L’ipotesi iniziale che avevamo avanzato era che la deroga fosse sul soggetto che guida, quindi, ad esempio, un’appartenente a forze dell’ordine. In realtà non sarà così. La deroga sarà per i rarissimi casi in cui l’auto privata è usata come auto di servizio. L’auto privata del poliziotto in quanto tale non può entrare”.

Il primo cittadino promette un monitoraggio costante del provvedimento. Tra 15 giorni si torna in Aula per discutere della raccolta di dati che lo stesso Comune farà.

Un incontro non risolutivo nel quale il sindaco ha evidenziato che non ha nessuna volontà di fermare il provvedimento di area B, – ha ribadito però Piscina – è un incontro che non ci soddisfa e che non ha prodotto risultati concreti per i milanesi. Non c’è stata nessuna apertura, ad esempio, sul tema delle deroghe per i residenti in Area C”.

LEGGI ANCHE: Area B, tutti i parcheggi accessibili al di fuori della zona a traffico limitato

Leggi anche

Contentsads.com