×

Ultimi giorni di saldi a Milano: gli incassi aumentano del 10% rispetto al 2019

Nel primo weekend di rientro in città clienti in coda per effettuare gli ultimi acquisti

Ultimi giorni di saldi a Milano: +10% di incassi rispetto al 2019

Nelle prime settimane di agosto ad approfittare dei saldi sono stati soprattutto i turisti, mentre nel primo weekend di rientro in città sono i milanesi ad effettuare gli ultimi acquisti.

Ultimi giorni di saldi a Milano: code nei bar per la colazione

I saldi termineranno mercoledì 31 agosto. Gli espositori lasciano ormai spazio alle nuove collezioni. Gabriel Meghnagi, presidente rete associativa vie di Confcommercio Milano, afferma: “Sabato e domenica abbiamo avuto una buona affluenza. Ieri alcuni grandi bar che erano aperti nella zona di piazza Wagner hanno avuto clienti in coda per fare colazione, con i croissant che sono andati esauriti nel giro di poco”. Questo 2022 regala un bilancio positivo della stagione dei saldi.

Registrato un aumento tra il 15 e il 17% rispetto all’anno scorso e di circa il 10% rispetto al 2019. Finora il mese di agosto ha segnato un 10% in più rispetto ad agosto 2021.

Ultimi giorni di saldi a Milano: i settori in ripresa

Tra i settori si evidenzia una netta ripresa del reparto cerimonie, il quale era crollato del 47% a causa del Covid e delle conseguenti restrizioni.

Meghnagi sottolinea: “Alcuni negozi che trattano questo tipo di abbigliamento mi hanno raccontato di aver finito l’assortimento e, per questo genere di abiti, non è semplice provvedere velocemente a un riassortimento”. Risultati positivi anche per il settore degli accessori e delle calzature.

Ultimi giorni di saldi a Milano: le perplessità di Confcommercio

Secondo Confcommercio, attendere il primo sabato di luglio per l’avvio dei saldi, fa perdere circa l’1-2% degli affari: nei giorni precedenti ai ribassi, infatti, i grandi marchi inviano tramite sms o email speciali sconti ai clienti registrati.

Una specie di pre-saldi mascherati. Del resto, la multa prevista è di 1.032 euro, a prescindere dalla vastità del negozio.

LEGGI ANCHE: A Milano chiude Gap, il negozio in corso Vittorio Emanuele: addio al marchio Usa

Leggi anche

Contents.media