×

Milano Place to be, la città torna un brand internazionale

Le analisi demografiche individuato in Milano una delle 500 supercittà capaci di attrarre energie finanziarie e cerebrali

Milano Place to be, la città torna ad essere un brand internazionale

Le città italiane sponsorizzano Milano come fonte delle nuove tendenze: il brand Milano riesce a superare la tempesta del Covid.

Milano Place to be: back to the past?

Il capoluogo lombardo dimentica le strade deserte, i negozi chiusi e le folle per i tamponi: la città sta dimostrando la voglia di tornare in campo.

Negli ultimi mesi, l’indicatore economico dei ristoranti ha dimostrato l’impossibilità di presentarsi in un ristorante del centro senza prenotare con qualche giorno di anticipo, a pranzo e a cena.

Milano Place to be: per attrarre giovani talenti

Milano è nuovamente sulla direzione giusta che aveva portato il New York Times a dichiarare la città Place To Be, il posto dove essere, o le grandi analisi demografiche a individuare in Milano una delle 500 supercittà capaci di attrarre energie finanziarie e cerebrali.

La città è al lavoro sulla rinascita di elementi innovativi al fine di attirare nuovi giovani talenti.

Milano Place to be: la metropoli dell’economica della conoscienza

Nel 2019 la Yoox era diventata un polo attrattivo di ragazzi europei. Le università Bocconi e Polimi stavano facendo il salto verso un’anima più da campus internazionale grazie all’inglese. Mind è in cerca di autore. Lo Human Technopole è alla ricerca di un nuovo direttore scientifico che affianchi il neo presidente.

La biotech meneghina Genenta è l’unica società italiana quotata al Nasdaq. Milano diventerà metropoli dell’economia della conoscenza, di cui deve essere capitale italiana.

LEGGI ANCHE: Affitti brevi, quanto rende una stanza al giorno a Milano?

Leggi anche

Contents.media