×

Mario Draghi a Milano per i trent’anni della Dia: “La mafia ha assunto forme nuove”

Il presidente del Consiglio ha partecipato all'inaugurazione della mostra dedicata al 30esimo anniversario della Direzione investigativa antimafia

Mario Draghi a Milano per il 30° anniversario della Dia: l'intervento del presidente

Nella mattinata di mercoledì 25 maggio il premier Mario Draghi è arrivato a Palazzo Pirelli per l’inaugurazione della mostra dedicata al 30esimo anniversario della fondazione della Dia, la direzione investigativa antimafia.

Mario Draghi a Milano, Falcone: “Per battere la mafia serve una battaglia culturale”

Il primo ministro è stato ricevuto da Alessandro Fermi, presidente del consiglio regionale, e da Beppe Sala, sindaco di Milano. All’inizio del convegno il presidente della Dia ha consegnato alla presidente della fondazione Falcone, Maria Falcone, il testimone dell’“Antimafia itinerante”.

Maria Falcone ha affermato: “Ho avuto momenti di disperazione in cui piangevo ogni giorno, ma poi mi è venuta in mente la frase di Giovanni: per battere la mafia serve una battaglia culturale”.

Mario Draghi a Milano: “Dobbiamo proteggere l’economia italiana, i cittadini, le imprese”

Durante il convegno, Mario Draghi ha sottolineato: “Rispetto a trent’anni fa, la mafia ha assunto forme nuove, ma altrettanto temibili. Non viviamo più l’incubo dello stragismo, del terrorismo di stampo mafioso. Le mafie si insinuano nei consigli d’amministrazione, nelle aziende che conducono traffici illeciti, al Nord e nel Mezzogiorno”. Inoltre, “inquinano il tessuto economico, dal settore immobiliare al commercio all’ingrosso.

Controllano il territorio con la violenza, soffocano la libera concorrenza”, ha aggiunto. E infine, ha concluso: “Tra gli insegnamenti di Giovanni Falcone c’è quello, essenziale, di ‘seguire la traccia dei soldi’. Dobbiamo continuare a farlo per proteggere l’economia italiana, i cittadini, le imprese”.

Mario Draghi a Milano: il convegno per ricordare Alesina

Nel pomeriggio il Presidente del Consiglio è stato accolto all’università Bocconi per partecipare alla presentazione del fondo per borse di studio Alberto Alesina Young Economist Award in memoria del professor Alberto Alesina, alumnus della Bocconi, scomparso prematuramente un anno fa.

Draghi è stato accolto da Mario Monti, presidente della Bocconi e da Renato Saccone, prefetto di Milano. Tra i presenti: Gianmario Verona, rettore della Bocconi, Francesco Giavazzi, economista e Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale.

LEGGI ANCHE: Elezioni Lombardia 2023 Sala: “Non mi candido, aiuterò il centrosinistra”

Leggi anche

Contents.media