×

Cerimonia in ricordo di Sergio Ramelli, il corteo del 29 aprile: è polemica

L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia attacca. Sala: "Giusto commemorare passaggi della storia della nostra città"

29 aprile, il corteo per ricordare Sergio Ramelli: è polemica

Nella serata di venerdì 29 aprile, alle ore 19, il ritrovo sarà in piazzale Gorini. Successivamente, si terrà il corteo verso via Paladini.

Corteo Ramelli: la destra scende in piazza

Milano ricorda Sergio Ramelli: il militante di estrema destra del Fronte della Gioventù che nel 1975 venne aggredito e ucciso, appena 17enne, da un gruppo di militanti della sinistra extraparlamentare, legati ad Avanguardia operaia.

In piazza scenderanno le sigle della destra e dell’estrema destra italiane, come Casapound, Forza Nuova, Lealtà Azione e probabilmente parteciperanno anche gli esponenti della Lega e di Fratelli d’Italia.

Non saranno tollerati simboli del Ventennio o marce in stile militare.

Corteo Ramelli: l’attacco dell’Anpi

L’Anpi di Milano attacca: “Negli anni trascorsi la manifestazione neofascista del 29 aprile, strumentalizzando il ricordo di Ramelli e Pedenovi, si è sempre caratterizzata con la esibizione di croci celtiche, saluti romani, chiamata del presente, con un forte richiamo nostalgico al passato militare e razzista del regime fascista“.

E sottolinea come i partecipanti hanno sempre ignorato le prescrizioni imposte dalla questura, istigando alla violazione della legge. Roberto Cenati, presidente della sezione di Milano, sollecita: “Chiediamo alle pubbliche autorità di impedire che la memoria di chi ha dato la propria vita per la libertà di tutti noi venga vergognosamente oltraggiata“.

Corteo Ramelli: la partecipazione di Sala

L’ultima manifestazione, terminata con scontri con la polizia, risale al 2019. In mattinata, il sindaco Beppe Sala ha presenziato alla deposizione della corona di fiori nel giardino dedicato a Ramelli, in via Pinturicchio.

Il primo cittadino chiarisce: “Capisco l’osservazione di Anpi, ma il punto è che per me c’è una regola che è quella data dalla legge e dalle decisioni del questore e del prefetto. Nel momento in cui loro autorizzano per me va bene”. Infine, definisce la sua presenza ragionevole, in quanto sia giusto commemorare passaggi della storia della nostra città“.

LEGGI ANCHE: Meteo Milano, le previsioni per il weekend del 1° maggio: torna il rischio pioggia

Leggi anche

Contents.media