×

I negozianti hanno paura delle baby gang: il sondaggio di Confcommercio

Confcommercio ha condotto un'indagine sulla legalità: cosa è emerso?

Baby gang, i negozianti meneghini hanno paura: il sondaggio di Confcommercio

Secondo un sondaggio condotto da Confcommercio Milano, Lodi e Monza, i commercianti temono furti e atti vandalici delle baby gang.

Negozianti vs baby gang: un elemento di disturbo della sicurezza

Prese a campione 480 imprese che hanno risposto ad un questionario.

Secondo lo studio, gli indicatori che misurano la sicurezza sul territorio sono la presenza di negozi sfitti (34%) e gli atti vandalici (30%). A seguire i furti nei negozi (26%) e i venditori abusivi (23%), prima di scippi (20%) e spaccio di droga (19%). L’11% degli intervistati definisce le baby gang come un elemento di disturbo della sicurezza. Nel 2019 solo il 3,1% dei commercianti lo aveva indicato come fattore di rischio.

Il 31% non ha segnalato situazioni critiche di sicurezza.

Baby gang: cosa chiedono i negozianti?

Solo l’1% ha evidenziato che a causa di situazioni malavitose potrebbe spostare o cedere l’attività. I negozianti chiedono al comune una maggiore presenza di forze dell’ordine (85%) e la video sorveglianza (46%), ma anche una migliore illuminazione delle strade (34%). Secondo l’81% dei commercianti sono in aumento l’abusivismo e la contraffazione.

Negozianti vs baby gang: atti vandalici e furti

Mario Peserico, vicepresidente di Confcommercio Milano, Lodi e Monza, ha affermato: “I dati che emergono da quest’indagine rilevano una situazione soddisfacente del livello di sicurezza con la metà delle imprese che non ha subito reati”. Tra i segnali di criticità si rilevano gli atti vandalici, i furti e fenomeni in aumento come le baby gang. Per accrescere la sicurezza è richiesta la competenza delle forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE: Sicurezza a Milano: un distretto di polizia per ogni Municipio

Leggi anche

Contents.media