×

Caro energia, un negozio su cinque rischia la chiusura: l’indagine di Confcommercio

Danneggiate le attività non alimentari e la ristorazione: al bar aumenta il caffè

Caro energia, Confcommercio: un negozio su cinque rischia di chiudere

Quasi il 70% dei commercianti rischia di indebitarsi. Secondo l’indagine di Confcommercio Milano, Monza Brianza e Lodi sulle imprese del terziario, le aziende, i ristoratori e i negozianti faticano a gestire la bolletta energetica, schizzata alle stelle a causa degli effetti della guerra in Ucraina.

Al caro energia, si aggiungono i rincari delle materie prime.

Caro energia, negozi a rischio chiusura: le categorie più colpite

L’analisi interessa 767 imprese. Le categorie maggiormente coinvolte sono:

  • il 26% delle vetrine non alimentari,
  • il 19% di bar e ristoranti,
  • il 13% di imprese di servizi, agenti e rappresentanti di commercio,
  • il 9% di grossisti.

Un gestore di due ristoranti sul Naviglio Pavese afferma che il costo dell’energia era già aumentato prima dell’inizio della guerra ed evidenzia gli aumenti della carne, del prosecco e del caffè.

Caro energia, il 20% dei negozi è a rischio chiusura: il 69% si indebita

L’indagine di Confcommercio parla di aumenti in bolletta che variano da un minimo del 50% ad un massimo del 200%, mentre le materie prime oscillano tra il 20% e l’80% in più. Questa situazione causa un indebitamento per il 69% delle imprese: il 20% rischia la chiusura. Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio Milano, afferma: Il governo deve intervenire con un abbattimento strutturale del costo dell’energia, con ristori immediati e proseguire nelle moratorie fiscali e creditizie”.

Caro energia, negozi a rischio chiusura: in lieve ripresa il turismo

Barbieri lancia anche una proposta per risparmiare sull’aria condizionata: “Da questo mese è scattato l’obbligo, per i negozi, di tenere le porte chiuse. Perché nelle prime ore del mattino non si permette l’apertura così da spegnere i condizionatori?”. Infine, comunica che ci sono lievi segnali di ripresa nel settore del turismo. Il sindaco di Milano, Beppe Sala, cerca di essere positivo e dichiara: “Superato questo periodo, con la preoccupazione delle imprese per l’inflazione e i tassi di interesse, Milano tornerà a produrre tanta energia e crescita“.

LEGGI ANCHE: Tagli sul Welfare, Moratti: “Ho scritto una lettera a Sala chiedendogli di rivedere la decisione”

Leggi anche

Contents.media