×

La riqualificazione di Porta Nuova: il progetto per bici e pedoni

Gli interventi verranno realizzati dai privati per un importo complessivo pari a 8,5 milioni di euro

Porta Nuova, progetto per bici e pedoni. Tancredi: "Privilegiare la pedonalità"

L’obiettivo è incrementare la fruibilità pedonale e ciclopedonale dell’area intorno a Porta Nuova: estendere le zone di verde intorno al Parco Biblioteca degli Alberi ed eliminare le barriere architettoniche.

Riqualificazione Porta Nuova: l’accordo

Palazzo Marino e Coima Sgr spa sottoscriveranno una convenzione, della durata massima di 5 anni, per regolamentare la realizzazione di opere urbanizzative coordinate nell’ambito delimitato dalle vie Gioia, della Liberazione, Cardano, Bordoni e lungo le vie Sassetti e Pirelli.

Giancarlo Tancredi, assessore alla Rigenerazione urbana, chiarisce: “Il processo di rigenerazione degli spazi pubblici dell’area Garibaldi, Isola, Porta Nuova si estende anche verso la Stazione Centrale e l’asse di Melchiorre Gioia secondo una visione coordinata e unitaria privilegiando la pedonalità, il verde pubblico e la mobilità ciclabile, seguendo il principio della connessione tra quartieri che è alla base delle politiche urbane della nostra città”.

Manfredi Catella, founder e ceo di Coima, sostiene il potenziamento di una mobilità sostenibile: “Abbiamo generato 120mila mq di spazi ciclopedonali nella prima fase, ai quali si sono aggiunti oltre 12mila mq sull’asse che porta a Fondazione Feltrinelli e si aggiungeranno altri 20mila mq in Porta Nuova Gioia.

Una ricucitura ampia di quartieri collegati fra loro dalla Biblioteca degli Alberi“.

Riqualificazione Porta Nuova: gli interventi

Gli interventi principali riguardano:

  • l’estensione del Parco Biblioteca degli Alberi nella porzione di piazza Einaudi, al di là di via Melchiorre Gioia. Si pensa ad una risistemazione di via Gioia nel tratto che separa le due parti del Parco per permetterne la connessione anche mediante un’ipotesi di predisposizione di viabilità lenta e mista, la ripavimentazione complessiva e il riallestimento generale dello spazio pubblico con la posa di elementi di arredo urbano, di segnaletica e di nuove piantumazioni, in continuità e coerenza di disegno con il Parco -che verrà completato lungo la via Sassetti-;
  • la riqualificazione di via Bordoni con la ripavimentazione dei marciapiedi, l’inserimento di verde e il prolungamento della pista ciclabile esistente;
  • il completamento della pista ciclabile tra via De Castilla e via Confalonieri;
  • la sistemazione dell’asse di via Pirelli verso la Stazione Centrale con la ripavimentazione dei marciapiedi, nuovi filari alberati e ciclabili;
  • la sistemazione dei marciapiedi tra le vie Pirelli e Gioia e dell’ingresso alla stazione della metropolitana.

    Lungo via Gioia verranno introdotte anche aree alberate.

Riqualificazione Porta Nuova: i costi

Gli interventi, il cui importo complessivo è pari a 8,5 milioni di euro, verranno realizzati dai privati coinvolti a scomputo degli oneri di urbanizzazione relativi alle opere private di via Pirelli 39 (l’ex edificio comunale), via Pirelli 35 (l’ex palazzo Telecom) e via Gioia 20. Una volta stipulata la convenzione, gli operatori avranno a disposizione un anno per presentare i progetti, che definiranno le opere nel dettaglio.

L’apertura dei cantieri è prevista nel corso del 2024.

Qualora fossero a disposizione ulteriori risorse, verrà valutata l’ipotesi di realizzare una struttura di carattere culturale e ricreativo all’ingresso del Parco sul lato ovest.

LEGGI ANCHE: Mercato immobiliare, a Milano aumentano gli affitti: la domanda cresce del 50%

Leggi anche

Contents.media