×

Milano è in affanno sulla mobilità sostenibile: il confronto con le città europee

Ecco il rapporto pubblicato da Legambiente nell'ambito della CleanCities Campaign

Milano è in difficoltà sulla mobilità sostenibile: il confronto con le città europee

Milano si posiziona al 20esimo posto su 36 nella classifica che comprende le città di 16 Paesi europei. Lo dice il rapporto pubblicato da Legambiente nell’ambito della CleanCities Campaign, ‘Pan-European City Rating and Ranking on Urban Mobility for Liveable Cities’.

Mobilità sostenibile a Milano: i parametri

Nonostante i notevoli risultati a livello nazionale, la mobilità sostenibile meneghina risulta mediocre paragonata al contesto europeo. Il dossier ha esaminato 36 città di 16 nazioni europee, classificandole sulla base della qualità dell’aria e della mobilità. Il ranking è stato redatto considerando parametri come lo spazio urbano dedicato a pedonalità e ciclabilità, i livelli di sicurezza per pedoni e ciclisti sulle strade urbane, i livelli di congestione del traffico urbano, l’accessibilità ed economicità del trasporto pubblico locale, l’infrastruttura per la ricarica dei veicoli elettrici, le politiche di riduzione del traffico, dei veicoli inquinanti e l’offerta di servizi di mobilità in condivisione.

Mobilità sostenibile a Milano, Del Prete: “Troppo centrata su un uso indiscriminato dell’auto privata”

Alla città di Milano è stato anche assegnato il voto ‘C’ e un punteggio di 51 su 100: un riferimento massimo che nessun’altra città è riuscita ad ottenere. Il capoluogo lombardo perde posizioni a causa dello spazio pedonale insufficiente e per colpa della scarsa qualità dell’aria, in aggiunta le criticità su sicurezza stradale e accessibilità ai mezzi pubblici.

Il responsabile mobilità e spazio pubblico di Legambiente Lombardia, Federico Del Prete, dichiara: Milano è un’eccellenza italiana in fatto di mobilità, ma su scala europea non ha colto appieno l’occasione covid per tagliare drasticamente i ponti a una mobilità ancora troppo centrata su un uso indiscriminato dell’automobile privata”. Inoltre, sottolinea che le automobili, oltre ad inquinare l’aria, interferiscono con lo spazio e il tempo: “consumo di suolo, inaccessibilità, pericolo ed emergenza clima saranno gli ostacoli al benessere e alla ripresa dei milanesi, e non ci faranno certo risalire questa classifica europea”.

Mobilità sostenibile a Milano: l’obiettivo

La campagna CleanCities Campaign è una coalizione europea di ONG, associazioni ambientaliste, think-tank, movimenti di base e organizzazioni della società civile che ha come obiettivo quello di portare a zero le emissioni prodotte dalla mobilità urbana entro il 2030, al fine di rispettare l’accordo di Parigi: -55% Co2 entro il 2030 e neutralità climatica a metà secolo. La mobilità non sostenibile provoca lunghe attese in coda, traffico e aria inquinata. Nella classifica sopraccitata, tra le 30 città peggiori, 10 sono italiane.

LEGGI ANCHE: Ciclisti, aumentati gli incidenti a Milano: necessario creare condizioni di sicurezza

Leggi anche

Contents.media