×

Sicurezza, il prefetto di Milano si rivolge ai Municipi per le emergenze del capoluogo

I nove presidenti dei Municipi cittadini al Comitato per l'ordine pubblico

Il Covid ferma gli abitanti e gli affari di Milano

Il prefetto Renato Saccone chiede ai presidenti delle nove zone della città di intervenire sul tema della sicurezza meneghina.

Sicurezza Milano, 9 sedie per i municipi al Comitato sull’ordine pubblico e la sicurezza

A seguito dei numerosi fatti di cronaca negativi dall’inizio dell’anno, la prefettura ha deciso di invitare le Zone a partecipare alla seduta del Comitato sull’ordine pubblico e la sicurezza che si riunisce settimanalmente sotto l’ente di corso Monforte, al fine di discutere e prendere provvedimenti sugli aspetti critici della città.

Nella giornata di mercoledì 9 marzo, saranno posizionate nove sedie in più per i presidenti dei Municipi: il sindaco Sala parteciperà al vertice.

Sicurezza Milano, i municipi: la zona del centro

Mattia Abdu, presidente del Municipio 1, ha dichiarato: “Apprezzo questa scelta che riconosce il nostro ruolo istituzionale, anche perché i cittadini è da noi che vengono a presentare le proprie istanze: spero sia l’inizio di una proficua collaborazione che peraltro è già in essere con i comandi locali, la polizia e i carabinieri”.

Abdu sottopone al vertice alcune criticità, come la criminalità di via Cesariano e di piazzetta Santissima Trinità: vandalismo e vendita abusiva di alcolici.

Sicurezza Milano, i municipi 6 e 9

Anita Pirovano, presidente del Municipio 9, ha il compito di sorvegliare Corso Como e dintorni. Frequenti gli episodi di rapina, spaccio, furti.

Santo Minniti, presidente del Municipio 6, si concentrerà sul tema delle case popolari in via Gola e al quartiere Giambellino: due aree critiche da sempre, dove “c’è un tema di degrado da affrontare, ma anche di una gestione carente dell’ente Aler e un problema di abusivismo”.

Inoltre, a questi problemi, si aggiungono le preoccupazioni legate alla movida sui Navigli.

LEGGI ANCHE: Sicurezza a Milano, Granelli: “Fondamentali più telecamere e controlli”

Leggi anche

Contents.media