×

Violenze di Capodanno, Sala: “Mi scuso a nome mio e della città”

Il primo cittadino porterà in Giunta una delibera per assumere 500 vigili

Violenze Capodanno in Duomo

“Aumenteremo i vigili, ma non basta: questi episodi non devono accadere più”, ha annunciato il sindaco Giuseppe Sala.

Violenze di Capodanno, Sala: il Comune si costituirà parte civile

Il Comune di Milano si costituirà parte civile nel processo per le violenze di Capodanno in piazza Duomo.

Nel frattempo, il primo cittadino commenta al Tg1 gli sviluppi dell’inchiesta sul branco di ragazzi che ha molestato alcune ragazze.

Violenze di Capodanno, Sala: “Sono vicino alle ragazze”

Il sindaco Sala si scusa a nome del capoluogo lombardo e chiarisce: “Non ho parlato fino ad oggi perché sapevo dell’indagine in corso che seguivo con il questore di Milano”. E ha aggiunto: “Hanno fatto una grande opera perché sono stati individuati in breve i responsabili.

Gran parte del branco arriva da fuori Milano, però queste cose non possono accadere. Sono vicino alle ragazze. Mi scuso a nome mio e della città, e il Comune si costituirà parte civile nel processo, e spero in pene severe“. Per quanto riguarda il tema sicurezza, secondo Sala, è indispensabile un maggior numero di uomini e donne in campo, oltre ad un incremento della tecnologia.

Violenze di Capodanno, Sala: l’assunzione di nuovi vigili

“Porterò in Giunta nei prossimi giorni una delibera per assumere 500 vigili, lo avevo promesso in campagna elettorale. E spero che lo stesso faccia la polizia di Stato. Serve più gente sul territorio”. E in merito alla tecnologia conclude: “già quella che c’è aiuta, e infatti sono stati individuati rapidamente i colpevoli, ma serve qualcosa che al momento, non retroattivamente, faccia in modo che certi episodi non avvengano più”.

LEGGI ANCHE: Capodanno, boom di disdette per gli hotel di Milano

Leggi anche

Contentsads.com