×

Ripresa Covid a due velocità: tornano i turisti, ma prosegue lo smart working

Scendono i contagi, Barbieri: appello per il ritorno dei pendolari

Ripresa Covid: nel weekend Milano torna a popolarsi

Nel fine settimana il capoluogo lombardo torna a popolarsi. La discesa dei contagi fa tornare il buonumore e mostra uno spiraglio di luce in fondo al tunnel.

Ripresa Covid a due velocità, Barbieri: “Clima di positività”

La vera ripresa, però, gira intorno al turismo, che dovrebbe tornare in maniera stabile a breve.

Un altro punto focale riguarda il ritorno dei pendolari: in settimana la città è deserta.

Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio Milano, dichiara: “Dopo le previsioni smentite di dicembre adesso c’è un clima di positività”. Dato che a dicembre si ipotizzava un “+15% rispetto al dicembre 2019 negli esercizi al dettaglio, un passaggio dal -80% al -25% per la ristorazione e al -40% sul settore dei tour operator. Negozi e ristorazione stavano riprendendo, poi il boom di contagi dopo Sant’Ambrogio”.

Attualmente, l’obiettivo è quello di arrivare gradualmente ai dati di giugno-luglio 2019. Barbieri prosegue: Stimiamo di recuperare un 50% entro primavera e poi un altro 50% a giugno“.

Ripresa Covid a due velocità: gli appuntamenti

Rimossa l’ordinanza del 16 dicembre, la quale prevedeva l’obbligo di tampone anche per gli europei già vaccinati, il gioco è fatto: finalmente riprenderanno gli arrivi. Il ministro Speranza, inoltre, ha riaperto alcuni corridoi turistici internazionali.

Il rinvio del Salone del Mobile, da aprile a giugno, ha causato una ripresa più lenta della filiera del turismo, alberghiera e della ristorazione.

Ripresa Covid a due velocità: lo smart working

Dal punto di vista del commercio, il problema fondamentale è uno: lo smart working. Il segretario di Confcommercio annuncia: “Abbiamo lanciato un appello, che è stato raccolto dal Comune e dalla Regione. Dal lunedì al venerdì il milione e 400mila residenti a Milano quasi raddoppiava grazie ai pendolari, oggi invece siamo nella situazione di un anno fa, in piena emergenza sanitaria, con l’80% dei lavoratori a casa“.

L’appello? Fare un accordo territoriale milanese per incentivare il ritorno dei pendolari, facendo tornare a vivere Milano. Sa quanto incide la pausa pranzo sul settore della ristorazione? Il 25-30% del fatturato”.

LEGGI ANCHE: Come è cambiata Milano con il Covid: meno residenti, in aumento i single

Leggi anche

Contents.media