×

Raccolta abiti usati: l’iniziativa del Comune di Milano per i senzatetto

Lamberto Bertolé sull'iniziativa di raccolta di abiti usati per i senzatetto: “Grazie alla generosità dei milanesi”.

il comune di Milano organizza una raccolta abiti per i senzatetto

Nella giornata di domenica 6 febbraio, il contributo dei milanesi nella raccolta degli indumenti per i clochard è stato fondamentale.

Raccolta abiti usati: l’aiuto dei milanesi

Numerosi i cittadini che hanno raccolto l’invito del Comune e delle associazioni del terzo settore, che hanno allestito i banchetti di ritiro, donando giacche, cappotti, pantaloni, scarpe e altri indumenti invernali.

Raccolti 2.100 tra scatoloni e sacchi. Gli indumenti saranno ripartiti tra le strutture di accoglienza per senzatetto presenti sul territorio; inoltre, le associazioni li utilizzeranno per i loro utenti nei centri diurni, in strada, nelle mense, nelle docce e nei guardaroba.

Raccolta abiti usati, Bertolè: “Garantire che nessuno dorma al freddo

Lamberto Bertolé, assessore al Welfare e Salute, afferma: “Grazie alla generosità dei milanesi, ancora una volta, tante persone che non hanno una casa potranno avere indumenti puliti e caldi.

Anche quest’anno le cittadine e i cittadini si sono dimostrati molto sensibili al nostro appello e hanno partecipato in tantissimi, dando un aiuto concreto a chi vive in una condizione di difficoltà. L’Amministrazione è impegnata a garantire che nessuno dorma al freddo per strada, ancora una volta chiediamo l’aiuto dei milanesi per segnalare le persone in difficoltà chiamando il numero unico attivo 24 ore su 24 tutti i giorni”.

Il numero in questione, messo a disposizione per le segnalazioni, è lo 028844 7646.

Raccolta abiti usati: il percorso di reinclusione

A chiedere accoglienza in questi mesi, oltre 870 persone, ospitate nell’ambito delle strutture del piano freddo di via Fleming, Pedroni, Belluno, Saponaro, Puglie, Barabino, corso di Porta Vigentina, Pollini, Sammartini, al mezzanino della Stazione Centrale e a Casa Jannacci.

Gli operatori all’interno delle strutture si occupano di avviare un percorso di reinclusione sociale per gli ospiti, trasferendoli nelle strutture aperte tutto il giorno e tutto l’anno che mettono a disposizione circa mille posti.

Pertanto, lo spazio viene continuamente liberato per le nuove ammissioni che vengono monitorate dal centro Sammartini di via Sammartini 120, punto di accesso per tutti i servizi dedicati ai clochard.

LEGGI ANCHE: Piatto sospeso: l’iniziativa per i senzatetto di Milano

Leggi anche

Contents.media