×

Dehors e marciapiedi senza limiti per bar e ristoranti: maggioranza spaccata

Bloccati oltre 2.400 parcheggi per tutto l'anno. Arriva la spaccatura sul tema dehors e marciapiedi

tavolini senza limiti bar e ristoranti

I dehors occuperanno le carreggiate dodici mesi all’anno. L’emendamento di un consigliere della lista Sala ottiene il sì.

Dehors e marciapiedi: l’emendamento di Mazzei

Nella serata di lunedì 13, nell’aula di Consiglio vince il sì: bar e ristoranti continueranno ad occupare lo spazio riservato a parcheggi o marciapiedi.

L’assessora al Commercio, Alessia Cappello, chiarisce: “È stato un lavoro molto lungo quello che aveva portato al documento. Abbiamo incontrato i comitati di cittadini, ascoltando le necessità di tutti. Abbiamo fatto ben tre commissioni consiliari e altrettanti incontri con le associazioni di categoria. Insomma, il tentativo era quello di far sintesi rispetto a un tema complesso. Anche le opposizioni ci avevano riconosciuto uno sforzo di ascolto“.

Ed è così che arriva l’emendamento di Marco Mazzei della Lista Sala che elimina il criterio della stagionalità, restituendo la possibilità a bar e ristoranti di mantenere sedie e tavolini per tutto l’anno.

La conseguenza? La cancellazione di un certo numero di parcheggi per i residenti.

Dehors e marciapiedi: il bonus ai tempi della pandemia

Nonostante i dehors abbiano salvato la movida dall’emergenza Covid, hanno creato anche malcontento. In alcune vie, i tavolini di bar e ristoranti hanno sottratto spazio vitale al passaggio pedonale, ampliando notevolmente rumore e caos, e cancellato ben 2.400 parcheggi. Pertanto, la giunta aveva deciso di introdurre modifiche e correzioni, tra cui la stagionalità dei tavolini.

L’obiettivo era restituire nei mesi invernali una parte degli spazi ai pedoni e alla sosta delle auto. Nella serata di lunedì è arrivato il voto a sorpresa di parte della maggioranza all’emendamento che eliminava la correzione di rotta. Cappello: La visione personale di una città senz’auto, obiettivo che nel lungo periodo tutti condividiamo, si è andato a sommare a un momento di confusione in aula ed ecco il risultato. Rispetto al lavoro fatto c’è amarezza.

Io ho però le deleghe al commercio e in fondo l’emendamento fa l’interesse degli esercenti. Ma amministrare non è fare l’interesse di una sola parte“.

Dehors e marciapiedi: l’opposizione

Alessandro De Chirico -Fi- annuncia: “Il centrosinistra ha voluto cambiate tutto per poi non cambiare nulla”. La presidente dell’aula Elena Buscemi cerca di rimediare dichiarando: La soluzione più praticabile potrebbe essere quella di una delibera di iniziativa consiliare che ripristini il senso originario del provvedimento”. E aggiunge: Abbiamo previsto contributi fra gli otto e i quindicimila euro a cui si accederà partecipando all’avviso pubblico che sarà online entro la prossima settimana“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus Milano, Sala: “Variante Omicron sotto controllo”

Leggi anche

Contents.media