×

Protesta Legambiente a Milano: “Basta inquinamento, vogliamo respirare aria pulita”

Oltrepassati sistematicamente i limiti di Pm10

Manifestazione di Legambiente Milano

Legambiente Lombardia e un gruppo di genitori dell’Ics Ciresola in viale Brianza hanno organizzato un flash mob per evidenziare l’esigenza di “mettere in pratica politiche ambientali più severe per contrastare la scarsa qualità dell’aria”.

Protesta Legambiente Milano: la scuola di Viale Brianza

Secondo Amat, nel capoluogo lombardo, oltre il 40% delle polveri sottili è causato dal traffico. La scuola di Viale Brianza, collocandosi in un contesto altamente saturo, è tra i luoghi più sensibili al rischio sanitario e sociale provocato dall’inquinamento atmosferico. Gli autoveicoli rappresentano la minaccia più grave.

Milano ha superato da ben quarantasette giorni il limite consentito di Pm10: un primato negativo che va contrastato tempestivamente, riducendo i veicoli più inquinanti.

Protesta Legambiente Milano: le parole di Del Prete

Il responsabile mobilità e spazio pubblico di Legambiente Lombardia, Federico Del Prete ha annunciato: “Non possiamo continuare a perdere tempo. La strada per una mobilità meno inquinante, sia individuale sia collettiva, è da tempo evidente, ma in Lombardia si va a rilento. Il 2022 sarà l’anno della nuova direttiva europea sulla qualità dell’aria: come ci si sta attrezzando per far fronte a parametri sempre più stringenti? Se non vogliamo pagare ancora più cara la lentezza fin qui dimostrata dobbiamo accelerare il cambiamento“.

Protesta Legambiente Milano: l’accumulo di inquinanti

La pandemia di Covid-19 ha rallentato la piena attivazione di Area B, soprattutto i divieti di ingresso giornaliero delle auto diesel. Secondo l’associazione, l’Area B avrebbe dovuto escludere anche i veicoli diesel Euro 0-3: “possono oggi assurdamente circolare se dotati del dispositivo Move In di Regione Lombardia”. Arpa Lombardia ha dichiarato: “le condizioni meteorologiche sono molto favorevoli all’accumulo degli inquinanti”, pertanto, per i 1.100 studenti di ogni ordine e grado dell’Ics Ciresola sarà più difficile respirare, ma anche semplicemente ascoltare le lezioni perché il rumore che arriva dalla strada, anche a finestre chiuse, risulta insopportabile“.

LEGGI ANCHE: La classifica delle città più green d’Italia: Milano solo trentesima

Leggi anche

Contents.media