×

Qualità della vita a Milano: i quartieri Isola, CityLife e la periferia Sud

L'Università Statale di Milano misura la percezione della qualità della vita nei quartieri e conferma i posti più alti della classifica

Qualità della vita Milano, Lombardia

Isola e CityLife condividono il primissimo posto nella classifica dei quartieri con la qualità di vita migliore nel capoluogo lombardo.

Qualità della vita Milano: dal top al flop

In graduatoria seguono il centro e i quartieri Navigli-Tortona: sale la zona tra Figino, Trenno e Bosco in Città.

Ponte Lambro si aggiudica l’ultima posizione. Il docente di Sociologia politica dell’università Statale, Paolo Natale, dichiara: “Non era mai accaduto da quando svolgiamo l’indagine”.

Qualità della vita Milano: i segnali positivi-negativi

Natale spiega: La sicurezza, che rispetto al 2020 sale dal 68 al 70% di promozioni, e l’integrazione degli immigrati, dal 54 al 59%, non sono avvertite come problemi dalla maggioranza dei milanesi“.

Purtroppo, il 25% degli intervistati dichiara di voler cambiare zona: il 34% degli abitanti della periferia Sud, tra Gratosoglio e Rogoredo, afferma di voler scappare da quest’area, in particolare dalla fascia Sud-Est.

Secondo Natale registra “un leggero miglioramento della periferia Nord”.

Rispetto al passato peggiora l’area tra Centrale e Loreto.

Qualità della vita Milano, Natale: l’effetto Covid

Natale spiega: “Nei primi tempi della pandemia, la città aveva riscoperto una grande unità di fondo. Poco alla volta, però, le difficoltà sociali e territoriali di alcune periferie, amplificate dai lockdown e dai problemi economico-occupazionali, si sono trasformate quasi in una maledizione”.

E aggiunge: Prima del Covid, il Comune aveva fatto molte promesse: da una parte l’impossibilità oggettiva di muoversi e dall’altra la disaffezione verso la politica emersa con l’astensione record delle ultime elezioni hanno aumentato la percezione che il miglioramento in alcuni quartieri sia ancora lontano”.

Inoltre, il 68% degli intervistati sostiene che il Comune pensi troppo poco alle periferie. In merito alle case popolari, il 73% del campione ritiene che “la proprietà e la responsabilità della manutenzione” sia del Comune.

Beppe Sala, che ha molto a cuore la questione, opta per un’intesa con Regione al fine di una gestione condivisa. Natale conclude: “È solo curando il degrado di alcuni caseggiati che potrà aumentare la qualità della vita in tanti quartieri”.

LEGGI ANCHE: La classifica delle città più green d’Italia: Milano solo trentesima

Leggi anche

Contentsads.com