×

Intelligenza artificiale, gli Atenei si uniscono per creare un polo. Sala: “Milano guarda al futuro”

L'alleanza tra Bicocca, Bocconi, Politecnico e Statale in vista delle sfide future

Sindaco Milano e i rettori degli atenei milanesi

Attualmente sono quaranta i ricercatori che ambiscono a una delle sfide principali del futuro: diventare un centro di riferimento per l’Europa. Milano mira a diventare un polo di eccellenza per lo sviluppo di Ai e Machine learning, grazie all’alleanza di Bocconi, Statale, Bicocca e Politecnico.

Intelligenza artificiale Milano: il commento di Sala

Durante la conferenza stampa a Palazzo Marino, le quattro università diventano la nuova Unit di ELLIS, lo European Laboratory for Learning and Intelligent Systems, l’associazione che riunisce i migliori scienziati e accademici europei che si occupano di intelligenza artificiale.

Il sindaco Beppe Sala annuncia: Milano guarda al futuro grazie all’unione delle sue eccellenze universitarie. Dobbiamo competere con la voglia di dominio americano e cinese.

Dobbiamo farlo portando la nostra qualità, la nostra capacità di fare le cose con il buon senso, il rispetto delle regole, con un equilibrio su tematiche così delicate. Questo ha l’Europa”.

Intelligenza artificiale Milano: quattro direttrici di ricerca e quattro direttori scientifici

Le direttrici di ricerca sono quattro: algoritmi, reti neurali, deep learning e biologia computazionale. Quattro anche i direttori scientifici: Nicolò Cesa-Bianchi, professore di Informatica della Statale, la collega della Bicocca Gabriella Pasi, e Nicola Gatti, docente di Ingegneria informatica del Politecnico e Riccardo Zecchina, professore di Fisica teoretica di Bocconi.

Il rettore del Politecnico Ferruccio Resta dichiara: “La centralità dei temi legati all’intelligenza artificiale e al machine learning, gli utilizzi e le ripercussioni sul fronte economico e sociale conferiscono alle università tecnico-scientifiche una grande responsabilità”. E aggiunge: Unire le migliori risorse accademiche e fare di Milano un polo di eccellenza è un dovere che abbiamo nei confronti dello sviluppo e della crescita non solo della nostra città, ma del Paese e del sistema universitario“.

Intelligenza artificiale Milano, Verona: “Fondamentale la collaborazione tra gli atenei”

Il rettore dell’Università Bocconi Gianmario Verona afferma: “Oggi le scienze economiche e le scienze sociali sono chiamate a uno scambio continuo e reciproco con l’intelligenza artificiale per poter analizzare scenari che sono sempre più complessi e produrre una conoscenza che abbia un impatto positivo per la società. L’approccio multidisciplinare e la collaborazione tra gli atenei diventa quindi fondamentale per lo sviluppo delle conoscenze in quest’ambito e per dare a Milano un ruolo di primo piano a livello europeo”.

Anche la rettrice dell’Università degli studi di Milano-Bicocca, Giovanna Iannantuoni, dice la sua, definendo Milano “Una città che ancora una volta investe sul futuro”. Inoltre, aggiunge: “L’evoluzione dell’Intelligenza Artificiale ha permesso di definire soluzioni efficaci a problemi complessi in svariati ambiti, dal marketing alla medicina“.

Intelligenza artificiale Milano: trasversalità

Maria Pia Abbracchio, prorettore vicario con delega a Ricerca e Innovazione della Statale di Milano, dichiara: “La parola trasversalità ricorre più volte. Ma le scienze stesse sono traversali e in questo momento per analizzare tutti i dati abbiamo bisogno di tutte le discipline. Un progetto che parte dalla ricerca di base, ma dovremo essere trasversali anche con il territorio e coinvolgere le aziende, le imprese, come ci sta chiedendo anche il Pnrr“.

LEGGI ANCHE: Università milanesi prese d’assalto dalle matricole: boom di iscrizioni

Leggi anche

Contents.media