×

Università milanesi prese d’assalto dalle matricole: boom di iscrizioni

Aumentano le iscrizioni in tutte le università di Milano: favorita l'area scientifica.

Università degli Studi di Milano, iscritti

Negli atenei milanesi crescono le immatricolazioni, soprattutto nell’area scientifica. Oltre alla corsa per i posti di Medicina, sono stati molto ambiti i corsi Stem. Inoltre, si è verificato un boom di iscrizioni anche per i programmi di studio che trattano ambiente e sostenibilità, probabilmente grazie ‘all’effetto Greta’.

Assalto alle università: i numeri

Il primo semestre consentirà lo svolgimento delle lezioni in presenza, in aule a capienza piena. Salgono i numeri degli iscritti sia nelle università statali e non. Anche i corsi a numero chiuso hanno registrato un aumento della domanda: come, ad esempio, l’Università Bocconi con più del 30%degli studenti ai test d’ingresso e Humanitas con il 20% in più. Rispetto al 2020, è cresciuto decisamente il numero delle matricole.

Assalto alle università: le matricole

Bicocca, per le triennali, conta il 15% in più di nuovi iscritti: quest’anno sono 7341. Per quanto riguarda i corsi magistrali, invece, gli iscritti son passati da 3010 a 3270 e le iscrizioni sono aperte fino ai primi mesi del 2022. Il Politecnico accoglie 8298 studenti, mentre la Statale fa i conti con un lieve calo di ingressi: dai 18.057 del 2020 ai 17725 del 2021.

L’ateneo afferma È un assestamento, dopo il balzo in avanti dello scorso anno. Una minima flessione poi è legata al ridimensionamento nei numeri di Mediazione linguistica, che avevano raggiunto picchi di difficile gestione dopo l’annullamento del numero programmato e che forse per il ritorno del test di autovalutazione, sembrano normalizzarsi. Le matricole sono passate da 2259, dato del 2020, a 1632″.

Assalto alle università: super gettonate Chimica, Informatica, Scienze del Farmaco e Biotecnologie

L’Università degli Studi di Milano dichiara “Qui tutti i corsi su ambiente e sostenibilità sono in crescita come quelli su globalizzazione e studi internazionali. E fra le discipline scientifiche i programmi con più iscritti sono quelli di Chimica, Informatica, Scienze del Farmaco, Biotecnologie“. E conclude “c’è stato un lieve ridimensionamento, dopo la crescita degli anni scorsi, per le triennali classiche della facoltà di Studi Umanistici, che però avanza nei corsi magistrali, da Storia e critica dell’arte, a Scienze della Musica e dello Spettacolo e Scienze Filosofiche”.

Assalto alle università: le lauree Stem

Anche alla Bicocca cresce la richiesta di lauree Stem: il corso di Scienze e Tecnologie per l’Ambiente ha il 32% di matricole in più, buoni risultati anche per Scienze dei materiali e Geologia e poi Fisica, Matematica e Statistica. La rettrice Giovanna Iannantuoni evidenzia una “perfetta parità di genere”. Giurisprudenza conta oltre novecento iscritti: rispetto a cinque anni fa, le matricole sono raddoppiate.

Assalto alle università: gli iscritti

Rinviato il bilancio al Politecnico e alla Cattolica, dove i dati dei corsi magistrali non sono ancora completi. Il San Raffaele, invece, passa da 1104 iscritti a 1440. Il rettore della Iulm, Gianni Canova, dichiara “La tenuta c’è ed è significativa, se si guarda ai dati del 2015 l’incremento delle immatricolazioni è del 35%. Qui non possiamo comunque aumentare troppo la disponibilità dei posti per la carenza di aule”. Dall’ateneo spiegano “Tutti i nostri corsi sono in crescita. Abbiamo aperto questo anno accademico con 2700 studenti. E nelle triennali abbiamo superato i duemila iscritti. Quest’anno c’è anche l’exploit della triennale di Moda e Industrie creative“. Nelle università Statale, Bicocca e Pavia esauriscono i posti per il corso di studi sull’Intelligenza Artificiale.

LEGGI ANCHE: Green pass obbligatorio per studenti delle residenze universitarie

Leggi anche

Contents.media