×

All’asta un nuovo negozio nella Galleria di Milano: si parte da 3milioni

Condividi su Facebook

Messo all'asta un nuovo negozio nella Galleria di Milano, si tratta dello spazio prima occupato dal marchio Massimo Dutti e si partirà da 3milioni.

asta negozio galleria milano
asta negozio galleria milano

Nuova asta per occupare un negozio nella Galleria di Milano. Il negozio è di 1000mq e si partirà da 3 milioni di euro.

Nuova asta per un negozio nella Galleria di Milano

Continua la vendita di negozi siti all’interno della Galleria di Milano, all’asta ora c’è il negozio precedentemente occupato dal marchio Massimo Dutti.

Si tratta di un negozio di 1000mq il cui affitto annuale non potrà essere più basso di 3milioni di euro.

Nuova asta per un negozio in Galleria a Milano

La crisi della pandemia pare fermarsi fuori dal salotto di Milano. La Galleria Vittorio Emanuele II infatti resta un luogo ambitissimo per noti brand che continuano a partecipare alle aste, cosa che per Roberto Tasca, assessore al demanio, è un segno importante.

“Il percorso di valorizzazione degli spazi in Galleria Vittorio Emanuele II non si ferma e nessun negozio resterà con le serrande abbassate – dice l’assessore al Demanio, Roberto Tasca –. Le ultime gare in ordine di tempo hanno mostrato il riattivarsi di un grande interesse da parte degli operatori economici che vogliono avere una vetrina nel Salotto dei milanesi. Significa che simbolicamente la Galleria è ancora il luogo più attrattivo della città e che esiste la volontà di ripresa che sta interessando tutta la città di Milano”.

L’asta per il negozio in Galleria, segnale positivo per Milano

Un segnale positivo, continua l’assessore al demanio, per il futuro della Milano post covid. “Questa asta è importante per comprendere appieno le prospettive economiche della città” spiega Tasca. Proprio per questo e per il prestigio della location “saranno valutate –scrive in una nota il comune– con maggiore punteggio le proposte merceologiche di prestigio che rappresentino il meglio della tradizione del Made in Italy e internazionale”.

Leggi anche

Contents.media