×

Ddl Zan e sconto a teatro a Milano: discriminatorio per il centrodestra

Condividi su Facebook

Il centrodestra dichiara discriminante l'iniziativa pro Ddl Zan alla MTM di Milano, che concede uno sconto a teatro per chi sostiene il decreto legge.

ddl zan milano
ddl zan milano

Il centrodestra contro lo sconto delle Manifatture Teatrali Milanesi riservato a chi mostra sulla mano la scritta Ddl Zan. “È discriminatorio l’accusa.

Sconto pro Ddl Zan a Milano

Lo sconto riservato a coloro che sostengono pubblicamente il Ddl Zan non piace al centrodestra.

“L’idea è di far pagare di meno purché la si pensi come la comunità Lgbtattaccano in una in una nota congiunta gli eurodeputati Carlo Fidanza (FdI) e Vincenzo Sofo (Ecr).

L’idea delle MTM a Milano per il Ddl Zan

L’idea delle Manifatture Teatrali Milanesi di Milano è stato quello di far accedere i clienti a teatro al costo ridotto di 10€ se questi alla cassa avessero esibito la scritta sulla mano Ddl Zan.

“Uno sconto a teatro, di questi tempi, è un’iniziativa nobile purché sia estesa a tutti i cittadini” spiegano Sofo e Fidanza.

La reazione allo sconto Ddl Zan a Milano

La reazione allo sconto “Ddl Zan” presso le MTM di Milano è stata durissima e gli eurodeputati hanno precisato che la questione verrà presa molto seriamente. “Lo sconto pro Ddl Zan sa tanto di strumentalizzazione di un tema delicatissimo per farsi pubblicità e attirare ulteriori fette di pubblico.

Chiederemo inoltre una verifica per capire se Mtm Teatro, che vanta sul proprio sito i patrocini del Ministero dei Beni culturali e di Regione Lombardia, percepisca da questi o da altri entri contributi pubblici per la propria attività, che finirebbero per essere i soldi con cui si offre lo sconto pro Ddl Zan. Se riscontreremo anomalie, ci batteremo perché questi fondi, soldi di tutti i cittadini, siano tolti a tutti coloro che li utilizzano per mettere in atto campagne discriminatorie”.

La nota congiunta di Sofo e Fidanza segue la dichiarazione dell’esponente di Forza Italia, Gianluca Comazzi, il quale in consiglio comunale, aveva già dichiarato: “ Ricorda certe pratiche in vigore durante il ventennio fascista. È grave che alcuni cittadini godano di trattamenti di favore sulla base delle loro opinioni politiche”.

Leggi anche

Contents.media