×

Crisi del turismo, Palazzo Marino manda una lettera-appello al Governo

Condividi su Facebook

La crisi del turismo in Italia è preoccupante: Milano e altre città d'arte mandano una lettera-appello al Governo con richieste per il settore

Lettera-appello di Palazzo Marino al Governo per la crisi del turismo
Lettera-appello di Palazzo Marino al Governo per la crisi del turismo

Il settore del turismo è uno di quelli che maggiormente ha sofferto per la crisi pandemica e la conseguente crisi economica, registrando un meno 95% tra marzo e aprile e oggi completamente azzerato. Per questo i cinque assessori delle città d’arte (Milano, Firenze, Venezia, Roma e Napoli) hanno deciso di scrivere un accorata lettera-appello al Governo, con richieste precise e un piano strategico per ridare ossigeno al settore del turismo.

Crisi del turismo, lettera al Governo

La lettera, non ancora inviata per vedere gli sviluppi della crisi politica nazionale, e quindi per capire a chi indirizzare l’appello, contiene alcuni semplici e chiari suggerimenti per affrontare la crisi del turismo.

Non solo Palazzo Marino, ma anche i rappresentati di Firenze, Venezia, Roma e Napoli, città che di turismo ci vivono letteralmente. Le richieste sono tre, sia sul breve che sul lungo periodo.

“La prima – spiega Roberta Guaineri assessore al Turismo di Palazzo Marino – è utilizzare il Recovery fund per attivare interventi economici che sostengano soprattutto le città, le imprese turistiche e i lavoratori. La seconda è la richiesta di una regia da parte del governo per promuovere i territori e le singole città in base alle loro caratteristiche».

Per Milano la richiesta è quella di incentivare al massimo con dei fondi nazionali il business che ruota intorno a fiere e congressi che in periodo precrisi riguardava il 24% dell’intero settore, circa 2 milioni e 400mila persone.

L’organo che dovrà occuparsi di questo è già stato costituito, e si chiama Convention Bureau.

La terza richiesta riguarda invece la parificazione di trattamento tra host e albergatori, quindi la famosa diatriba su Airbnb e altre piattaforme di affitto per brevi periodi di case e stanze.

“Quello che chiediamo al governo — continua Guaineri — è di convocare un tavolo permanente che affronti questi temi in maniera strutturata e costante. È una richiesta che abbiamo già fatto in passato ma fino a oggi non è stata costituita una sede permanente”.

1 Comment
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ste
5 Febbraio 2021 11:46

Finanziare un business come le fiere ? Come finanziare una azianda Zombie. Milano ripensi al suo futuro. Meno eventi, meno speculazione immobiliare, meno inquinamento, meno business e più verde, più qualità della vita. Basta con una città fallita


Contatti:

Leggi anche

Contents.media