×

Blitz in stile Casa di Carta: “Dateci il denaro, reddito per tutti”

Condividi su Facebook

Blitz in perfetto stile Casa di Carta davanti alla sede della Banca d'Italia: "Dovete darci il reddito di emergenza"

flash mob stile Casa di Carta
flash mob stile Casa di Carta

Un vero blitz in stile “Casa di carta” di fronte alla Banca d’Italia: “Dateci il denaro, reddito per tutti”. E ancora: “Senza soldi non si può campare”.

Gli attivisti del centro sociale il cantiere hanno realizzato un flash mob in stile Casa di Carta.

Così i partecipanti, con la maschera di Dalì, quella della serie tv “La casa de Papel”, la oramai celebre tutta rossa e armati di finte banconote da 100 euro, si sono presentati alla banca d’Italia al grido: “senza soldi non si mangia”. Al flash mob un mega striscione a forma di banconota con la scritta “dovete darci il denaro” e dei fumogeni.

Blitz in stile “Casa di Carta”, i fatti

Senza soldi non si mangia, senza soldi per gli ospedali non si curano i malati, senza soldi per le scuole non possiamo avere un futuro”, grida una giovane specificando la motivazione di questa pacifica protesta al fine di far ottenere a tutti il “reddito di emergenza” dati i risvolti drammatici che hanno colpito centinaia di migliaia d’italiani con le misure anti Coronavirus.

“Il provvedimento decreto ristoro è un inizio ma sono briciole.

Le persone hanno paura di sapere come fare per arrivare a fine mese. Dovete darci il denaro, ci spetta perché mandiamo avanti la produzione che a quanto pare è tanto impossibile da fermare”, hanno affermati i partecipanti.

Il Cantiere prosegue: “Come farlo? Tassando i ricchi, quel 20% che da solo detiene il 70% della ricchezza del paese con una patrimoniale, per esempio. Requisendo e redistribuendo i fondi che vanno alla sanità e alla scuola privata, anche attraverso l’8×100, alle spese militari, agli stipendi dei parlamentari, al profitto di Confindustria”.

Lo stato non è riuscito a contingentare il virus: “I modi ci sono. Se lo Stato non è stato in grado di arginare il virus, di limitare drasticamente la produzione, allora la sua banca deve assicurare reddito e welfare per tutti. La salute è la prima cosa, ma senza soldi non si mangia, senza ospedali non si curano i malati, senza scuola non esiste futuro”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche