×

Coronavirus, ricoverato Bergamaschini: denunciò i contagi al Trivulzio

Condividi su Facebook

È stato ricoverato per una polmonite il geriatra Luigi Bergamaschini, che per primo denunciò il focolaio di coronavirus al Pio Albergo Trivulzio.

coronavirus-bergamaschini

Stando a quanto riportato dal diverse testate nazionali è attualmente ricoverato per una polmonite il geriatra Luigi Bergamaschini, l’uomo che per primo denunciò i casi di coronavirus al Pio Albergo Trivulzio di Milano. Al momento non è ancora chiaro se la polmonite di Bergamaschini, che sarebbe ricoverato dalla serata del 5 maggio, sia dovuta al Covid-19 o abbia invece altre cause.

Coronavirus, ricoverato Luigi Bergamaschini

Bergamaschini finì sotto i riflettori della stampa lo scorso 3 marzo, quando subì un provvedimento di esonero da parte della direzione del Pio Albergo Trivulzio di Milano per aver autorizzato l’utilizzo delle mascherine chirurgiche e di altri dpi per il personale della struttura alle sue dirette dipendenze.

Il geriatra era stato quindi sospeso dal suo incarico ma in seguito reintegrato dopo la minaccia di un’azione legale da parte dell’Università Statale di Milano, dove Bergamaschini insegna.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, direttore del Pio Albergo Trivulzio indagato per omicidio colposo

Al momento il medico è in attesa del tampone che potrebbe confermare un possibile contagio da coronavirus, ma per motivi precauzionali è stato ricoverato anche in relazione all’età avanzata.

Nelle stesse ore in cui Bergamaschini era in ospedale, i vertici del Pio Albergo Trivulzio hanno convocato una videoconferenza stampa al fine di difendere il loro operato durante quei drammatici giorni di inizio marzo. Secondo le ultime statistiche diramate, i morti al Pio Albergo Tivulzio negli ultimi tre mesi sono stati 300, con un incremento percentuale rispetto ai decessi medi del quinquennio 2015/2019 del 61%.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche