×

Rischio di chiusura per “Isola libri”: la petizione per salvare la libreria

Un gruppo di ragazzine ha raccolto 1.500 firme per la libreria del quartiere Isola

"isola libri" rischia la chiusura: la petizione per salvare la libreria

L’affitto della libreria “Isola libri”, situata in via Pollaiuolo al quartiere Isola, aumenterà drasticamente: in poche ore, su Change.org sono state raccolte 1.500 firme.

“Isola libri”: alla ricerca della sede alternativa

L’attività è stata inaugurata nel 2012 da Laura Campasso, mamma di Elena Fasoli, che attualmente gestisce la libreria insieme alla collega Debora Omassi.

Fasoli si è già messa all’opera per cercare una sede alternativa, poiché il contratto scadrà a giugno del 2023. Appresa la notizia, un gruppo di ragazze tredicenni -della scuola media Govone di via Pepe- ha pubblicato la petizione “Salviamo Isola Libri Milano!”, raccogliendo in poche ore quasi 1.500 adesioni.

“Isola libri”: l’attenzione per i bimbi più piccoli

Elena e Debora non si aspettavano una mobilitazione del genere, tantomeno la totale solidarietà dei clienti.

Nella zona sono presenti anche le librerie “Spazio bk” e “Les Mots”. A caratterizzare “Isola libri”, il rapporto con i più piccoli, in quanto è presente una sala in cui leggere libri scelti appositamente per loro, facendoli sentire in un ambiente familiare.

“Isola libri”: la petizione

Nella petizione delle ragazzine si legge:

“Se questa libreria scomparisse e venisse sostituita dall’ennesimo locale non solo perderemmo uno dei pochissimi centri culturali per ragazzi e adulti che da tempo accompagna ogni azione “libresca” degli abitanti, ma dovremmo relazionarci solo con il grande commercio on line. Firmiamo per intervenire in tutti i modi possibili per mantenere l’attuale posizione della libreria o fornirle un nuovo ambiente “low cost” in quartiere. Deve restare qui”.

LEGGI ANCHE: Chiude la Libreria dello Sport di Milano: era l’unica in Italia

Leggi anche

Contents.media