×

Nel quartiere di Porta Nuova aprirà il primo car sharing elettrico: i dettagli

Il progetto potrete estendersi in altre zone del capoluogo lombardo.

Mobilità, il primo car sharing elettrico aprirà a Porta nuova: come funzionerà?

Da venerdì 15 aprile sarà possibile prenotare le nuove auto Volvo completamente elettriche.

Car sharing Porta Nuova, Sala: “Se avrà successo sarà esportata anche in altre zone”

Il servizio di mobilità elettrica ELEC3City è il primo esempio in Italia di car-sharing elettrico legato a un quartiere, quello di Porta Nuova.

A disposizione 15 Volvo XC40 elettriche e nuove, immatricolate nel 2022. In via Mike Bongiorno 13 sarà presente la stazione di ricarica Powerstop, aperta 24 ore su 24, al fine di ricaricare le batterie elettriche. L’obiettivo del progetto è quello di risparmiare 30 tonnellate all’anno di CO2.

Il sindaco Sala ha affermato: “Una sperimentazione che se avrà successo sarà esportata anche in altre zone di Milano”.

Car sharing Porta Nuova: XC40 a 50€/giorno

Il servizio di sharing è stato promosso da Volvo Car Italia in collaborazione con Coima. Manfredi Catella, founder e Ceo di Coima, ha dichiarato che sono stati generati 120 mila metri quadrati di spazi ciclopedonali ai quali si sono aggiunti oltre 12 mila metri quadri sull’asse che porta a Fondazione Feltrinelli. Infine, si aggiungeranno altri 20 mila metri quadrati in Porta Nuova Gioia. Entro il 2022, nel quartiere, verranno installate 600 postazioni di ricarica elettrica.

I SUV Volvo potranno essere prenotati per il noleggio grazie all’app “Portanuova Milano”: dopo essersi registrati, basterà inserire data e ora di check in e di check out. Le tempistiche di noleggio vanno da un minimo di 30 minuti a un massimo di 30 giorni. Il costo, pari a 15 euro all’ora, si innalza automaticamente a 50 euro dopo le prime tre ore, in quanto scatta la tariffa giornaliera.

Le auto andranno prese e riconsegnate nel parcheggio di Varesine Porta Nuova.

Car sharing Porta Nuova: ricarica e percorrenza

Roberto Lonardi di Volvo Car Italia ha chiarito: “Volvo ha scelto di mettere a disposizione il modello XC40 perché questa è la nostra macchina più piccola e nella nostra gamma è la più compatta.

I SUV sono dotati di navigatore, il quale, è in grado di localizzare i distributori delle ricariche e informare che media di velocità tenere per non scaricare la batteria. Una ricarica piena costa circa 40 euro e assicura 400 km di percorrenza.

LEGGI ANCHE: Milano è la capitale della mobilità sostenibile: vele spiegate per i bus, cauti i privati

Leggi anche

Contents.media