×

Milano sperimenta i robot per le consegne: al via il test a Cascina Merlata

Se la sperimentazione andrà secondo i piani verrà estesa a tutta Milano

Yape, a Milano arriva il robot per le consegne: al via il test a Cascina Merlata

Ben presto le strade di Milano saranno invase da robot-fattorini (completamente autonomi) che effettueranno consegne di ordini online.

Robot per le consegne: un sogno che diventa realtà

Questo attesissimo progetto diventa realtà grazie al progetto Sperimentazione Italia“, la sandbox normativa che consente a startup, imprese, università e centri di ricerca di sperimentare progetti innovativi attraverso una deroga temporanea alle norme vigenti.

L’autorizzazione è il risultato della collaborazione tra il Dipartimento per la trasformazione digitale, il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e il Comune di Milano.

Robot per le consegne: la prima sperimentazione

I robot sono stati creati da Yape. L’azienda del gruppo E-novia ha realizzato un droide dotato di due ruote auto-bilanciate in grado di trasportare colli fino a 10kg sia per strada che all’interno degli edifici per una distanza massima di 80 chilometri.

Durante la sperimentazione il robot sarà dotato di un sistema di regolazione della velocità che non gli permetterà di superare i 6 km/h.

Attualmente il robot effettuerà consegne tra i negozi e gli appartamenti del distretto “Uptown”, nell’area di Cascina Merlata. Se la sperimentazione andrà secondo i piani, tra circa 6 mesi, verrà estesa a tutto il Comune di Milano.

Robot per le consegne: come funziona?

In questi primi 6 mesi i droni verranno testati in un contesto urbano al fine di individuare le aree idonee alla circolazione.

Inoltre, verranno mappati i potenziali percorsi di navigazione e grazie alla presenza di alcuni sensori, il drone sarà in grado di scansare eventuali ostacoli che potrà trovare sul suo percorso.

LEGGI ANCHE: Consegne a domicilio, la ricerca di Glovo: “Grazie al delivery i negozi guadagnano di più”

Leggi anche

Contentsads.com