×

Avvisi e solleciti di pagamento per multe già pagate: il Comune si scusa

Alcuni cittadini hanno protestato e altri hanno versato la somma per la seconda volta: il guasto al sistema informatico

Multe già pagate, arrivano avvisi e solleciti di pagamento: le scuse del Comune di Milano

Nelle scorse settimane molti cittadini meneghini hanno ricevuto, tramite raccomandata, avvisi di sollecito al pagamento per sanzioni risalenti al 2019.

Multe già pagate: l’errore informatico

Oltre 3.200 milanesi hanno scritto o chiamato gli uffici di Palazzo Marino per segnalare che gli importi erano già stati versati anni prima.

Alcuni cittadini hanno addirittura allegato le ricevute delle somme saldate ai reclami. A causa di un errore informatico, Palazzo Marino ha inviato ben 11.862 avvisi bonari errati. I solleciti chiedevano di provvedere al pagamento di multe del 2019, le quali erano già state saldate.

Multe già pagate: Palazzo Marino è al lavoro per risolvere la situazione

La quantità di avvisi bonari di sollecito di pagamenti da gestire è notevole ogni anno.

In merito alle sanzioni emesse nel 2019, Palazzo Marino ha inviato 192mila lettere, prima di passare ad altri mezzi di riscossione delle entrate dovute. I 12mila avvisi errati rappresentano il 6% del totale dei solleciti del 2019. Oltre a porre rimedio all’errore informatico che ha mandato in tilt la piattaforma del Comune, Palazzo Marino si sta occupando della platea di cittadini colpiti ingiustificatamente dai solleciti. Sono state inviate lettere di scuse, avvisi per rassicurare chi ha già pagato di non dover procedere nuovamente al versamento.

Multe già pagate: i rimborsi

Gli iscritti al fascicolo del cittadino verranno avvisati via mail, le persone giuridiche, invece, saranno raggiunte tramite Pec, altri ancora troveranno la comunicazione nella cassetta della posta. Sul sito del Comune si legge: Un malfunzionamento del sistema informatico ha comportato l’emissione di solleciti per multe del 2019 già pagati dagli interessati. All’invio di solleciti che rientrino in questi casi, seguiranno comunicazioni di annullamento o di rettifica del provvedimento”.

Alcuni cittadini sospettavano si trattasse di un errore, tuttavia, hanno nuovamente pagato l’importo. Ovviamente, Palazzo Marino provvederà a rimborsare le somme versate erroneamente due volte alle casse del Comune.

LEGGI ANCHE: Milano si trasforma in Milano Marittima: Navigli e Darsena diventano un parco acquatico illegale

Leggi anche

Contents.media