×

Covid, boom di contagi a Milano: l’effetto della variante Omicron BA5

Casi quintuplicati in una settimana: nelle farmacie diminuiscono test e tamponi

Covid, la variante Omicron BA5 sbarca a Milano: è boom di contagi

“Non mi avventuro in analisi scientifiche che non mi competono”, afferma il sindaco Beppe Sala, il quale, nei giorni scorsi, ha annunciato di essere positivo al Covid sul suo profilo Instagram.

Omicron BA5 Milano: casi quintuplicati

Il primo cittadino potrebbe aver contratto l’ultima variante di Omicron, la BA.5, molto più contagiosa ma non più grave delle precedenti.

Il professor Carlo La Vecchia, epidemiologo e docente di Statistica medica alla Statale, ha sottolineato: E’ bene che le persone anziane o fragili facciano il secondo booster del vaccino, che ha una copertura non lunga nel tempo, ma sicuramente per qualche mese assicura uno scudo efficace. Il virus circolerà molto nel prossimo periodo, dunque è bene che i soggetti per i quali la malattia potrebbe avere conseguenze gravi si proteggano”.

In una sola settimana, in Italia, i casi sono passati da 15 a 21mila.

A Milano, venerdì 10 giugno i nuovi positivi erano 1.095: cinque volte in più rispetto a venerdì della settimana prima. Il professor La Vecchia evidenzia che l’indice di contagiosità di Omicron 5 è molto elevato, intorno a 20.

Omicron BA5: sintomi e contagi

I sintomi corrispondo a quelli descritti da Sala su Instagram: Ho dolore ai muscoli delle gambe, un po’ di febbre e di tosse. Spero di tornare presto in ufficio e a faticare in bicicletta, intanto si lavora da casa“.

Nella maggior parte dei casi è probabile che i sintomi siano ancora più leggeri o inesistenti.

In Lombardia si contano 3.088 positivi su 26.483 tamponi. Il numero dei ricoverati aumenta lievemente nelle terapie intensive e cala nei reparti. Solo l’1% occupa le terapie intensive, mentre il 4% si trova nei reparti Covid.

Omicron BA5: la situazione nelle farmacie

Tra gli effetti della nuova variante è possibile notare che nelle farmacie iniziano a diminuire test e tamponi.

La Vecchia conclude: “L’ipotesi di limitare una variante che ha un potenziale di diffusione così alto con le semplici mascherine sarebbe più ipotesi astratta che reale, anche per l’uso che ormai si fa dei sistemi di protezione. Una qualche efficacia ci sarebbe solo con un impiego delle mascherine analogo a quello degli ospedali”. In autunno il virus non sparirà, ma probabilmente arriverà un vaccino più specifico per Omicron.

LEGGI ANCHE: Medico di base, impossibile sceglierlo online: a Milano è necessaria la coda allo sportello

Leggi anche

Contents.media