×

Malamovida Milano, un weekend da incubo: dall’omicidio al rave party

Un ragazzo muore dopo essere stato aggredito con un coccio di bottiglia. Davanti al Politecnico scoppia un Rave Party: insicurezza alle stelle

Malamovida Milano, weekend da dimenticare: "Neppure il morto ha fermato il sabba"

Nella notte tra venerdì 25 e sabato 26 marzo, in via Palazzi -zona Porta Venezia- è andato in scena l’ennesimo episodio di violenza: un 21enne di origini somale ha perso la vita durante una lite a bottigliate con un connazionale.

Nella notte tra sabato 26 e domenica 27, invece, via Lecco è stata investita dal popolo della movida. Il risultato? I residenti hanno denunciato l’impossibilità di passeggiare, riposare e rincasare in auto.

Malamovida Milano, Verri: “La percezione di insicurezza è massima”

Il profilo Facebook del Comitato del Lazzaretto scrive: “Neppure il morto ha fermato il sabba. Ieri abbiamo registrato l’ennesimo sabato sera che ha visto trasformata in discoteca una zona residenziale.

Istituzioni non pervenute, come sempre. Ribadiamo il nostro invito a chi vive nel quadrilatero del Lazzaretto: aderite alla causa civile promossa dal Comitato, prima firmando la delega presso lo studio e poi pagando una quota forfettaria”. Elena Montafia, portavoce del Comitato, lamenta l’assenza delle forze dell’ordine: “Ci sono stati solo tre passaggi”. Alessandro Verri, capogruppo della Lega, evidenzia come la zona di Porta Venezia sia completamente allo sbando.

L’insicurezza è alle stelle.

Malamovida Milano: il rave party

Davanti al Politecnico, piazza Leonardo da Vinci è diventata la sede di un inaspettato rave party: l’area verde viene sommersa da rifiuti, bottiglie di birra e cartoni per la pizza. Alessandro De Chirico, capogruppo di FI, afferma: “Ho ricevuto diverse segnalazioni di residenti che fino a notte fonda hanno dovuto sopportare la musica a tutto volume. A nulla sono servite le telefonate ai centralini della Polizia Locale.

Le pattuglie in servizio notturno sono solo quattro e bastano un paio di incidenti stradali per non riuscire a coprire l’intera città”.

Malamovida Milano: De Chirico attacca la Giunta

Infine, De Chirico attacca la Giunta comunale, suggerendo a Marco Granelli, assessore alla Sicurezza, di pensare a una strategia efficace per contrastare la movida selvaggia invece di elencare gli innumerevoli interventi dei ghisa. In attesa di un ritorno alla normalità, la città di Milano continua la sua lotta contro la malamovida e il disagio giovanile.

LEGGI ANCHE: Contrasto alla malamovida: il Comune di Milano stanzierà 400mila euro

Leggi anche

Contents.media