×

Occupato li liceo artistico Caravaggio, gli studenti: “Pretendiamo di essere ascoltati”

I ragazzi reclamano una scuola meno nozionistica e l'abolizione dell'alternanza scuola-lavoro

Occupato li liceo artistico Caravaggio, gli studenti: "Pretendiamo di essere ascoltati"

Nella giornata di mercoledì 9 marzo, i ragazzi del liceo artistico Caravaggio hanno occupato l’edificio.

Occupato il liceo artistico Caravaggio: è la 15esima

Dall’inizio dell’anno, l’istituto di via Prinetti, in zona Turro, raggiunge quota 15 occupazioni.

I ragazzi protestano per una tipologia di didattica differente e chiedono lo stop dell’alternanza scuola-lavoro.

Occupato il liceo artistico Caravaggio: le richieste degli studenti

I membri del collettivo che hanno organizzato l’occupazione hanno scritto sui social: “Pretendiamo di essere ascoltati”. Gli studenti chiedono una scuola sicura, libera dalle aziende, senza molestie e terrorismo psicologico e “una scuola che sia uno spazio di socialità, di collettività e di attivismo politico”.

Occupato il liceo artistico Caravaggio: “Vogliamo che non sia un voto a definire la nostra intelligenza”

Inoltre, sottolineano: “Vogliamo che la nostra salute mentale sia una priorità e che non sia messa in secondo piano, vogliamo non solo uno spazio didattico, ma uno spazio di ascolto e un servizio psicologico più attivo, che dopo due anni di pandemia è necessario e urgente”. La necessità di sentirsi persone e non macchine si fa sentire più che mai, “vogliamo che non sia un voto a definire la nostra intelligenza e le nostre capacità”.

Infine, arriva una richiesta particolare: i ragazzi chiedono che i soldi destinati alla guerra vadano all’istruzione e che garantiscono un futuro degno agli studenti e “una didattica diversa che non sia frontale, gerarchica e puramente nozionistica”.

LEGGI ANCHE: Gli studenti hanno occupato il liceo Virgilio: “Vogliamo i nostri spazi”

Leggi anche

Contents.media