×

Coronavirus, la variante Omicron profana i saldi: la delusione dei negozianti

L'inizio dei saldi invernali subisce una brusca frenata: i commercianti sono penalizzati dai pre-saldi

I saldi invernali, iniziati il 5 gennaio, nei primi tre giorni hanno registrato un +10% di fatturato rispetto al 2021.

Omicron, l’effetto sui saldi: weekend da brivido

Deludente il weekend dell’8 e 9 gennaio. Il presidente della rete associativa vie della Confcommercio milanese, Gabriel Meghnagi, afferma: “Sabato e domenica è stato un vero disastro.

Siamo partiti benissimo, ma sabato è stata una giornata mediocre, altamente sotto le aspettative, e domenica proprio un disastro“. Sicuramente, il freddo pungente non è stato affatto favorevole, aggravando in parte la situazione.

Omicron, l’effetto sui saldi: le vere cause della frenata

Tra le cause del rallentamento dello shopping si riscontra la risalita dei contagi. Meghnagi annuncia: “Pur se in forma meno grave rispetto allo scorso anno, la ripresa dei contagi mette paura ai clienti, che principalmente evitano i centri commerciali“.

L’ulteriore causa? La partenza ritardata dei saldi. Iniziarli il 5 gennaio fa perdere le giornate del 2, 3 e 4 gennaio, in cui Milano è piena di gente. In quei giorni nessuno compra a prezzo regolare, dunque soffrono i piccoli e vincono i grossi, anche attraverso la comunicazione via mail a tutti i contatti registrati, che riescono a fare i pre-saldi”. Pertanto, sembrerebbe che i clienti spendano il loro budget nei giorni antecedenti ai saldi, a causa di chi concede pre-saldi -pratica vietata- facendo perdere l’incasso a tutti gli altri.

Omicron, l’effetto sui saldi: le aree più frequentate

I commercianti sottolineano l’esigenza di far partire i saldi in data 2 gennaio: “La stessa dinamica si tornerà ad osservare d’estate, quando i saldi iniziano il primo sabato di luglio: tanta gente sarà già via e avrà comprato l’estivo con i pre-saldi a giugno”.

Tra le aree della città più frequentate emergono corso Buenos Aires, Galleria Vittorio Emanuele II e via Torino.

Riscontri positivi anche per via Belfiore e corso Ventidue Marzo. L’abbigliamento donna è senz’altro la categoria che fa registrare i migliori incassi, seguito da intimo, calzature, bambino e per ultimo l’abbigliamento uomo. In risalto anche la piccola pelletteria.

LEGGI ANCHE: Covid, Super Green Pass: le nuove regole in vigore

Leggi anche

Contentsads.com