×

Ambrogini d’oro 2021, chiuse le candidature: chi è in lizza

Oltre 100 le candidature per gli Ambrogini d'oro: i profili proposti e le motivazioni

velocista Filippo Tortu

Nella giornata del 7 dicembre 2021, il sindaco Beppe Sala e la presidente del Consiglio comunale, Elena Buscemi consegneranno le benemerenze civiche: 15 medaglie d’oro e 20 attestati, per un totale di 35 riconoscimenti.

Candidature Ambrogini d’oro 2021: nomi e polemiche

Nelle ultime ore sono arrivate due importanti candidature: il velocista Filippo Tortu – nominato dal capogruppo Lega, Alessandro Verri – e lo scultore Arnaldo Pomodoro – proposto dai consiglieri del Pd, Angelo Turco e Luca Costamagna -.

L’attivista Lgbtq e responsabile Diritti per il Pd milanese, Michele Albiani, non ci sta e critica fin da subito la candidatura del consigliere di Forza Italia Gianluca Comazzi: il conduttore e giornalista Alfonso Signorini. Inoltre, candida il dj Diego Passoni, voce di Radio Deejay vincitore di un Diversity media award, il premio dedicato al sostegno alla causa Lgbtq.

Albiani dichiara “È una persona del dialogo, inclusiva, che mette insieme. Dato che siamo reduci dall’affossamento del ddl Zan ritengo importante una candidatura come la sua”.

Candidature Ambrogini d’oro 2021: il ricordo delle persone scomparse

Carlo Monguzzi, capogruppo dei Verdi, candida Emilia Cestelli, moglie di Nando Dalla Chiesa, impegnata nella lotta alla mafia, morta a fine maggio dopo una lunga malattia. Monguzzi nomina anche Francesca Barbieri alias Fraintesa, la blogger venuta a mancare lo scorso aprile a causa di un tumore.

Inoltre, è stata proposta una medaglia alla memoria dello scrittore Andrea G. Pinketts.

Candidature Ambrogini d’oro 2021: l’elenco

Tra le nomine riscontriamo Simon Kjaer, difensore del Milan, il quale salvò la vita al compagno di nazionale Eriksen, ma anche il campione del mondo Marco Materazzi. E ancora Enrico Pazzali, presidente della Fondazione Fiera, Remo Ruffini, presidente di Moncler. Il diplomatico Tommaso Claudi, rimasto a Kabul nei giorni della conquista talebana, l’editorialista del Corriere della Sera Aldo Cazzullo, il filosofo Stefano Zecchi, la nipote di Silvio, Nicole Berlusconi come di fondatrice della onlus Islander, il conduttore e filosofo Paolo Del Debbio, Vanni Oddera, campione di motocross, la nuotatrice campionessa paralimpica Arjola Trimi e il chirurgo oncologo Ermanno Leo.

LEGGI ANCHE: Ambrogino d’oro al medico morto di covid: “Rincuora il ricordo del comune”

Leggi anche

Contents.media