×

Nuova oasi urbana in centro a Milano: stop inquinamento e surriscaldamento globale

Il provvedimento Coop Youth Experience: un'oasi urbana nel pieno centro di Milano.

Oasi urbana in centro a Milano

Piazza Cordusio è la location scelta per la nuovissima oasi urbana che promuove il progetto Coop Youth Experience.

Un’oasi urbana per sensibilizzare i cittadini

I giovani volontari pianteranno 10mila alberi in una decina di città. Sarà Milano, precisamente la zona di Rogoredo, che beneficerà della messa a dimora delle prime mille piante del progetto.

Dal 21 al 30 settembre, piazza Cordusio ospiterà l’installazione verde di circa 25 metri quadri, con l’obiettivo e la speranza di sensibilizzare chiunque passi di lì sull’importanza della natura, sulla riforestazione urbana, sul tema della lotta al cambiamento climatico, e di conseguenza alle isole di calore, e all’incidenza delle emissioni inquinanti.

Oasi urbana Cordusio: le parole degli organizzatori

Gli organizzatori dell’iniziativa dichiarano “Oasi Cordusio non è solo scenografia urbana ma è un vero proprio intervento di rinaturalizzazione temporanea dell’area.

I cassoni di legno che compongono l’installazione sono contenitori di terra per la messa a dimora di piante che, dopo i 10 giorni di installazione, saranno portati nello spazio gestito da Opera in Fiore per essere riutilizzati per attività di orticoltura comunitaria e di riforestazione urbana coinvolgendo i cittadini del quartiere”.

Inaugurata nella giornata di martedì 21, tra i presenti vi erano tre dei volontari che poi collaboreranno anche alla piantumazione del 28 settembre: Maria Teresa Annecca, Alessio Gagliardi e Leonardo Maria Lupo.

Non potevano mancare il presidente di Coop Italia e Ancc-Coop Marco Pedroni, la vicepresidente Coop Lombardia Daniela Preite, la responsabile Progetti innovativi di AzzeroCO2 Annalisa Corrado e l’amministratore delegato di PlanBee Armando Mattei.

Il progetto dell’oasi urbana

Tra il 27 e il 29 settembre, come promesso, saranno mille gli alberi e gli arbusti che troveranno casa nel parco di Rogoredo e Casa Chiaravalle. Un ringraziamento particolare va ai 150 ragazzi under 30 che sono arrivati da tutta Italia.

L’evento è connesso alla Pre-Cop26 delle Nazioni unite: la quattro giorni di incontri milanesi, durante i quali i rappresentanti di quaranta nazioni cercheranno di mettere le basi per accordi internazionali sulla riduzione dell’emissioni climalteranti.

LEGGI ANCHE: Citywave Milano: le caratteristiche del progetto sostenibile

Leggi anche

Contents.media