×

NearWorking: i dipendenti del comune di Milano lavoreranno vicino casa

Condividi su Facebook

Near Working è il nuovo modo di lavorare dei dipendenti del comune di Milano. Un modo per lavorare in ufficio evitando rischi.

near working milano
near working milano

Al comune di Milano si sperimenta il nearworking. Da oggi i dipendenti comunali potranno lavorare sia in smart working che recandosi nell’ufficio più vicino a casa propria, nelle nuove aree di coworking nate a Milano durante lo scorso anno.

Un modo per favorire il lavoro in ufficio senza creare assembramenti.

NearWorking al Comune di Milano

Ad annunciare l’adozione del near working per i dipendenti del comune di Milano è l’assessora alle politiche del lavoro, Cristina Tajani, che annuncia: “Questo provvedimento ci consente di sperimentare nuove modalità lavorative all’interno della Pubblica Amministrazione, proponendo, primi in Italia, un nuovo modello di vivere e lavorare in una città a 15 minuti.”

Il near working infatti consentirà ai dipendenti pubblici di poter lavorare in ufficio, ma non quello consueto, bensì in un ufficio qualsiasi che si trovi a soli 15 minuti dalla propria abitazione.

Come? Lavorando in uno dei coworking presenti a Milano e che sono diventati tanti durante lo scorso anno. Ogni dipendente riceverà un proprio dispositivo tramite il quale l’amministrazione conterà le ore di lavoro effettuate, fornendo quindi anche più flessibilità oraria. I dipendenti comunali potranno quindi decidere se accedere il pc da casa propria o presso uno di questi uffici e magari tornare a casa per pranzo. In questo modo sarà più semplice evitare assembramenti non solo in ufficio ma anche e soprattutto sui mezzi pubblici, per tutti l’ostacolo numero 1 da superare per contenere i contagi in città.

Chissà che per la prima volta non sia il pubblico ad ispirare anche il privato. A seconda dei dati condivisi dal Trasporto Pubblico Locale sono infatti gli uffici ad aver pericolosamente incrementato il numero dei pendolari sui mezzi pubblici.

Leggi anche

Contents.media