×

Piano aria clima: il comune chiede l’opinione dei cittadini

Condividi su Facebook

Il comune di Milano si chiede cosa ne pensano i milanesi del Piano Aria Clima, così è stato messo online un sondaggio.

piano aria clima milano
piano aria clima milano

Il comune di Milano chiede l’opinione dei cittadini milanesi sul Piano Aria Clima approvato a dicembre in consiglio comunale. Così è online un sondaggio aperto tanto ai milanesi quanto ai “city users”, ossia coloro che si ritrovano a Milano per lavoro e per studio, tramite il quale è possibile esprimere la propria opinione sulla programmazione elaborata dal comune per portare Milano a diventare, entro il 2030, una città ad emissioni zero.

Piano Aria Clima: l’opinione dei cittadini

Il Piano Aria Clima di Milano è la programmazione che il consiglio comunale ha approvato a fine dicembre per portare Milano entro il 2030 a diventare una città ad emissioni zero. E’ un programma dettagliato ed impegnativo che cambierà lo stile di vita condotto in città, impattando notevolmente nella vita di tutti i giorni. Il primo divieto introdotto è stato ad esempio il divieto di fumo all’aperto.

Sarà stato proprio perché si chiede l’impegno di tutti che allora il comune ha deciso di chiedere ai diretti interessati un’opinione sul Piano Aria Clima.

Così è nato, sulla piattaforma online del comune, il sondaggio dove si potrà esprimere la propria opinione sul piano. Per accedere basterà identificarsi con lo SPID e seguire le indicazioni. Qualora però non fosse chiaro come partecipare al sondaggio si potrà seguire un tutorial su Youtube, realizzato grazie alla collaborazione con la Fondazione Rete Civica.

Il sondaggio sarà aperto fino al 25 febbraio.

Contiamo sulla partecipazione dei milanesi e dei city users che studiano e lavorano qui per realizzare un Piano che, oltre al contributo indispensabile dei tecnici, possa raccogliere le osservazioni delle persone, rendendole protagoniste del cambiamento. Per questo invito i cittadini ad utilizzare la piattaforma online per consultare la documentazione, leggere i contributi già arrivati e dire davvero che cosa pensa delle azioni proposte, della loro efficacia e necessità“ ha commentato Lorenzo Lipparini, assessore alla partecipazione.

Leggi anche

Contents.media