×

Gallera risponde alle accuse dei medici milanesi: “Sono inaccettabili”

Condividi su Facebook

Gallera: la risposta alle accuse "inaccettabili" dell'ordine dei medici

gallera accuse medici
Coronavirus, Giulio Gallera è pronto a candidarsi come Sindaco di Milano.

Giulio Gallera, assessore al Welfare della regione Lombardia ha risposto alle accuse dei medici: “inaccettabili le accuse dell’Ordine dei Medici sulle mascherine”

Gallera risponde alle accuse dei medici

Giulio Gallera ha risposto alle accuse dei medici sulla questione mascherine: “Sono inaccettabili le accuse rivolte da alcuni rappresentanti dell’Ordine dei Medici di Milano contro Regione Lombardia sui dispositivi di protezione individuale.

Nel solo mese di ottobre sono stati forniti alle stesse Agenzie per la Tutela della Salute della Lombardia, con destinazione finale gli MMG, 135.750 camici idrorepellenti, 452.500 mascherine FFP2 e altrettante chirurgiche, 271.500 visiere di protezione. Nello specifico, nel territorio di Ats Città metropolitana di Milano sono stati assegnati 43.875 camici idrorepellenti, 146.250 mascherine chirurgiche e altrettante FFP2, 87.750 visiere di protezione”.

Gallera sottolinea che: “Dal mese di aprile al 30 settembre Regione Lombardia ha fornito alle Ats con destinazione finale gli MMG, 18 milioni di mascherine e altri dispositivi di protezione riconoscendo il ruolo strategico della medicina del territorio e dei professionisti a stretto contatto con i cittadini”.

L’assessore al Welfare ha concluso con un recap dei numeri della scorsa estate: “A titolo esemplificativo secondo i dati forniti da Ats Milano, la stessa Agenzia, nel corso dell’estate, ha messo a disposizione degli MMG di Milano 2.498 kit contenenti ciascuno 100 mascherine chirurgiche, 15 FFP2, 8 visiere e 20 camici idrorepellenti. La stessa Ats evidenzia che, di questi kit, 200 non sono stati ritirati”.

I medici: “Compriamo le mascherine su Amazon”

L’ordine dei medici di Milano aveva reagito contro i dati forniti da Giulio Gallera sula questione mascherine: “Le misure adottate dalla regione inadeguate“, “compriamo le mascherine su Amazon, siamo vicini al disastro“.

Questa la reazione alla nota divulgata da Gallera: “La regione Lombardia solo ad ottobre ha consegnato 452mila mascherine Ffp2” a medici di famiglia e pediatri. Mercoledì 4 novembre, ore 13.04, meno di 24 ore dopo, quegli stessi medici di famiglia fanno sapere che no, quelle mascherine non sono mai arrivate.

E che no, testuale, quelle parole “non corrispondono alla realtà”.

Ma l’ordine dei medici aveva contestato specificando che: “Le 452mila mascherine Ffp2 e chirurgiche che ieri l’assessore al welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha detto di aver consegnato solo per il mese di ottobre tramite la rete delle Ats, a noi medici, non corrisponde alla realtà. Noi medici di base continuiamo ad acquistare le Ffp2 su Amazon: la grande differenza con la prima ondata è che almeno le troviamo online, rispetto all’inadeguatezza delle misure adottate da Regione Lombardia.

Mi sembra che siamo molto vicini al disastro della primavera scorsa”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche