×

Picchiava i suoi alunni: sospeso un maestro a Milano

Condividi su Facebook

Milano: un maestro picchia i suoi alunni e viene così sospeso per essere indagato per l'accusa di percosse aggravate e continuate ai bambini

picchiava alunni maestro sospeso
picchiava alunni maestro sospeso

Una ricostruzione degli orrori quella della Comasina di Milano. Un maestro, una figura da prendere come punto di riferimento per la vita, quella da seguire, da imitare, da ricordare per sempre, è stato sospeso perchè picchiava i suoi alunni.

Picchiava i suoi alunni: maestro sospeso

Un maestro che avrebbe dovuto essere rispettabile, un uomo quarantottenne che è stato sospeso dal suo ruolo di insegnante poichè indagato per l’accusa di percosse aggravate e continuate. Questa la notifica consegnata al maestro che picchia i suoi alunni in classe, notifica dell’emissione del provvedimento del GIP del tribunale milanese.

Sono durate 12 mesi le indagini sul maestro violento, indagini portate avanti dagli agenti di Comasina a seguito del primo segnale allarmante: il ritrovamento dei disegni realizzati dai bambini, tra cui alcuni anche disabili, disegni che rappresentano un armadio con un bimbo a ridosso e li vicino il maestro.

Pare infatti che il maestro sbattesse gli alunni prendendoli per il collo del grembiule, contro l’armadietto che è presente nella classe. Ma non finisce qui la violenza del docente. In svariate occasioni avrebbe infatto costretto i bambini a restare posizionati con la schiena di fronte alla lavagna dovendo quindi piegare il volto in direzione contraria per poterla guardare. E ancora, costringeva i piccoli a stare carponi sotto la lavagna stessa al fine di essere forzati a dover tendere il collo per guardare questa lavagna oramai divenuta degli orrori.

Maestro che picchia gli alunni

Tutti i bambini hanno potuto rilasciare le loro dichiarazioni e raccontare quello che erano stati costretti a subire dal loro maestro. racconti che hanno trovato pieno risocngtro nelle ricostruzioni avvenute in fase di indagini e addirittura nelle parole delle docenti di sostegno.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche