×
Pub

Mio Lab, l’innovativo cocktail bar al Park Hyatt Hotel

Condividi su Facebook

Mio Lab Milano, il cocktail bar che prende ispirazione dalle carte dei tarocchi: l'innovativo e particolare menu dei drink.

Il Mio Lab di Milano si trova all’interno del Park Hyatt Hotel, vicino al prestigioso ristorante La Cupola e il Vun con due stelle Michelin. A due passi dalle principali attrazioni del centro di Milano – Piazza della Scala e il Duomo – è perfetto per chi vuole regalarsi uno stop dallo shopping o dal lavoro.

Il locale è aperto tutti i giorni, da mezzogiorno all’una di notte. Il personale è in grado di regalare un aperitivo e un post serata perfetto, soprattutto grazie al fantastico lavoro di Oscar Quagliarini capace di preparare cocktail davvero particolari e impossibili da trovare altrove.

Mio Lab Milano

Ogni cosa all’interno del Mio Lab sembra essere stata immersa nell’oro, che infatti è il colore protagonista. Un lato del locale dedica un intero spazio al bancone che si posiziona possente al centro dello spazio, con un piano di marmo.

Alle spalle dei barman si posiziona una grandissima collezione di super alcolici e bevande di ogni genere. Degli sgabelli scuri sono posizionati tutti intorno, mentre sopra danno la luce dei lampadari incassati al soffitto. I tavoli rotondi sono accompagnati da divanetti e comodo e ampie poltrone grigie. Il locale possiede anche uno spazio all’aperto, disponibile in tutti i giorni dell’anno. Lo spazio in questione è tenuto al riparo dal sole da dei grandi ombrelloni bianchi.

Dal lunedì al sabato c’è anche un Dj set, dalle 18 alle 21.

Il menu dei cocktail

Stiamo parlando di un cocktail bar davvero particolare o originali. I drink prendono ispirazione e il nome da carte e tarocchi. Il prezzo di una singola bevanda può arrivare fino a 24 euro o 14 se si tratta di analcolici. Il tutto può essere accompagnato dalle delizie cucinate e proposte dallo chef Andrea Aprea, coronato con due stelle Michelin grazie al suo Vun.

Oscar Quagliarini è la mente di una drink lista da lasciare veramente a bocca aperta. Tra i più innovativi troviamo Il Sole: Gin allo zafferano, pomodoro giallo Maida, succo di lime, tintura di yuzu e Berberé. Oppure Le Stelle, una miscela di Tequila bianca, Triple sec aromatizzato al Vetiver, lavanda, acqua di fiori d’arancio, succo di lime e glitter dorato. Ancora L’appeso con vermouth vianco, Gin Tanqueray, Mastiha roots liquor e Rosmatimo bitter.

D’ispirazione alla cartomanzia troviamo Il Diavolo, una miscela con Mio Lab bitter by Oscar Quagliarini, Gin alle noci, Top con velluto di vermouth rosso con gocce di bitter, homemade al cioccolato, perperoncino e caffè.

Non mancano però i drink più classici, anche se comunque rivisitati. Per esempio lo Zesty Margarita con Tequila Casamigos Blanco, Cointreau, Tabasco di Jalapeno, Cetriolo, Lime e Ginger Ale. Anche lo Spritz ha un volto nuovo qui al Mio Lab: Aperol o Campari, Champagne Brut e Perrier. Sicuramente da provare il particolarissimo Cup Cake, che un dolce non è. Parliamo di una miscela di Vodka Elyx, Lamponi, Fragola, Zenzero, Ginger Ale e Marshmallow.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche