×

La protesta artistica del Blue Note a Milano: “Non ci fanno fare musica”

Condividi su Facebook

Il Blue Note di Milano è uno storico locale di jazz ma non possono fare musica. Così sabato realizzeranno una protesta artistica.

blue note milano
blue note milano

Una protesta per la musica al Blue Note di Milano. Il prossimo weekend Milano è in zona gialla e i locali possono riaprire, ma cosa succede in quei locali dove si va normalmente ad ascoltare musica, quando non è concesso fare musica? E’ quello su cui vuole far luce il famoso Blue Note di Milano, il locale di musica jazz, che sabato a pranzo aprirà per il brunch ma non potrà fare musica dal vivo.

Blue Note: la protesta per la musica

Il Blue Note riaprirà a Milano ma non per far ascoltare musica. E’ un controsenso ma è quello che succederà sabato 6 febbraio, dove per l’occasione il locale ha organizzato una protesta artistica. Nel locale infatti ci saranno i migliori artisti di musica jazz del panorama milanese, ma non suoneranno, quello è infatti vietato. “Un modo per mandare un segnale alle istituzioni e sottolineare l’incoerenza delle norme attuali che permettono la ristorazione ma non le performance dal vivo” spiegano i gestori del locale.

Ancora non si conoscono i nomi degli artisti, ma quello che sappiamo è che gli artisti saliranno sul palco per condividere il loro personale punto di vista su questa situazione. Una problematica che tocca da vicino anche i locali notturni, che hanno lanciato la campagna social l’ultimo concertoproprio per ricordare la crisi che sta colpendo il settore.

Il brunch al Blue Note si terrà sia sabato che domenica dalle 12:00 alle 18:00 e sarà organizzato dallo Chef Federico Tronci.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media