×

Sciopero del personale del San Raffaele: stop alla fuga di medici

La lettera al ministro Speranza e al presidente della Regione Lombardia Fontana: "Aiutateci"

Sciopero del personale del San Raffaele: scongiurare il decadimento della ricerca clinica

Nella giornata di venerdì 8 aprile, il personale dell’Ospedale San Raffaele incrocerà le braccia per 24 ore: nessun accordo tra le richieste dei sindacati e la proprietà.

San Raffaele, lo sciopero del personale: nessuna proposta

Dal mese di gennaio, i lavoratori hanno richiesto lo stop dell’esternalizzazione dell’assistenza di alcuni reparti dati in appalto e la valorizzazione del personale, al fine di tamponare la fuga di medici, infermieri, OSS e tecnici.

Margherita Napoletano, coordinatrice Rsu dei lavoratori del San Raffaele, ha chiarito: “Nonostante le pressioni del vice Prefetto per chiedere all’amministrazione quali fossero i loro incentivi, l’ospedale ha risposto che non era disponibile a mettere sul piatto nessuna proposta, quindi, non c’erano gli spazi per tornare al tavolo di trattativa“. Pertanto, hanno spiegato che l’appalto avrà durata di un anno e successivamente valuteranno, senza nessuna interlocuzione col sindacato.

Durante l’assemblea di medici, infermieri e tecnici dell’ospedale San Raffaele, è stata decisa la data dello sciopero.

San Raffaele, lo sciopero del personale: la lettera dei lavoratori

Nella lettera inviata al Ministero della Salute, al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana e all’assessore al Welfare, Letizia Moratti, i lavoratori evidenziano: scongiurare il progressivo decadimento della ricerca clinica, della qualità delle prestazioni sanitarie e delle condizioni di sicurezza per i lavoratori“.

Nell’aria, il timore dei dipendenti per l’aumento degli appalti. Lo sciopero è stato proclamato da tutto il personale, tra cui medici, psicologi, biologi, fisici, farmacisti, ricercatori, tecnici, infermieri, personale di supporto e amministrativi. La paura più grande? Perdere un centro di riferimento per cure e ricerca.

San Raffaele, lo sciopero del personale: l’appello alle Istituzioni

Il personale si sposta nel pubblico, tra colleghi sfiniti e quelli che si licenziano perché i turni di 12 ore iniziano a pesare.

Molti, addirittura, non vengono assunti da nessuna parte, causando così una perdita professionale per i cittadini. Parte l’appello alle Istituzioni da parte dei sindacati: L’attuale proprietà mostra la propria inadeguatezza a gestire questo Istituto, riducendo gli organici ai minimi, che spesso non garantiscono nemmeno un’assistenza in sicurezza, sia per i pazienti che per gli operatori. Riteniamo che sia doveroso un vostro intervento“.

LEGGI ANCHE: San Raffaele Milano: le informazioni su prenotazioni e pronto soccorso

Leggi anche

Contents.media